Dove mangiare a Parigi

Volete sapere cosa c’è sulla scena gastronomica francese? Scoprite la nostra guida definitiva su dove mangiare a Parigi. Nella capitale francese ci sono più di 44.000 ristoranti, quindi come diavolo si fa a sapere da dove cominciare? La ricerca di un posto decente dove mangiare a Parigi può sembrare un po’ scoraggiante, ma pensiamo di potervi aiutare. Che si tratti di un bistrot gourmet per una serata memorabile con gli amici, di un posto per un pranzo al volo, di un leggendario junk food o di un menu degustazione a tre cifre, questa lista dei 50 migliori ristoranti di Parigi vi accompagnerà per mesi e mesi. E come abbiamo fatto a ridurli? Avremo anche recensito migliaia di ristoranti, ma per compilare questa bibbia di ciò che c’è di meglio sulla scena gastronomica parigina in questo momento, abbiamo prestato particolare attenzione a criteri come la creatività, il calore, l’atmosfera e il servizio. Non recensiamo a titolo gratuito e paghiamo tutto ciò che ordiniamo, come qualsiasi altro cliente. Dai bao buns da 5 euro alle elaborate creazioni di lab-spawn per le quali è necessario vestirsi, riteniamo che questa guida definitiva alla ristorazione abbia praticamente tutti i gusti e le tasche. Quindi, che siate alla ricerca di un’ottima cena economica, che abbiate voglia di qualcosa di vegano o che teniate davvero alle stelle Michelin, se seguite i nostri consigli nella Città della Luce avrete di che divertirvi. Ricordatevi solo di mettere in valigia dei pantaloni larghi!

Leggi anche: 3 giorni a Parigi, le cose più belle da fare

Dove mangiare a Parigi, 50 migliori ristoranti

1. Septime. Qual è l’offerta? Questa è la tavola più calda della città, curata da Bertrand Grébaut, uno degli chef più talentuosi della sua generazione (e tutor dei pesi massimi del settore Robuchon e Passard). Non smetteremo mai di stupirci della capacità di Septime di rinnovarsi e di superare i limiti anno dopo anno. Il nostro voto va sempre a questo ristorante, per l’arredamento perfetto (tavoli in legno grezzo, travi a vista), il servizio accurato ma non ossequioso e i sapori che permangono a lungo dopo aver sparecchiato. Cosa ordinare? Filetto d’anatra con acciughe Guéthary e jus infuso di alloro.

2. Les Enfants du Marché. Cosa troviamo? Ciò che si vede è essenzialmente ciò che si ottiene in questo minuscolo ristorante-bancone con prodotti freschi nel Marché des Enfants-Rouges. Dalla sua minuscola cucina, lo chef Masahide Ikuta, ex-Table, sforna piatti da urlo: i nostri preferiti sono il carpaccio di lingua di vitello, le capesante nere con aglio selvatico e le orecchie di maiale con salsa ravigote, pinoli, erbe fresche e una barbabietola di Chioggia tagliata così finemente che praticamente ci si può vedere attraverso. Cosa ordinare? Le cozze dell’Île de Groix, che nuotano in una salsa al gorgonzola con calçots ammorbiditi, un tipo di cipolla verde della Catalogna.

3. Mokonuts. Cosa troviamo? Il numero uno dell’anno scorso, Mokonuts, è ancora uno dei nostri indirizzi più cari. Perché? Dietro il bancone aperto, Omar Koreitem crea piatti unici e da viaggio ispirati alle sue origini levantine. I dolci da urlo preparati dalla sua socia, Moko Hirayama, sono imperdibili. Le recensioni entusiastiche del passaparola hanno fatto la maggior parte del lavoro per Mokonuts, ma il locale è fresco ed eccitante come quando è nato. Cosa ordinare? Il labneh di za’atar, assurdamente buono, spalmato sulla pitta appena fatta, o la zucca arrostita, immersa in un cremoso tahini.

4. Les Arlots. Qual è l’offerta? Venite per il servizio super-amichevole e andate via con la pancia piena d’amore. La carta dei vini è redatta con la stessa cura e passione del moderno menu in stile bistrot, mettendo in primo piano i piccoli produttori e i vini naturali. Tornerete a Les Arlots ancora e ancora. Cosa ordinare? La salsiccia e il purè Les Arlots sono semplicemente magnifici. Ne prendiamo due, per favore.

5. Abri. Cosa troviamo? Questo ristorante tascabile accanto a Poissonière è noto per una cosa in particolare: i suoi panini multistrato, superimpilati e simili a millefoglie, preparati dallo chef Katsuaki Okiyama. Si tratta di pane grigliato, una salsa ricca e deliziosa, un’omelette di verdure, carne di maiale impanata e croccante (“tonkatsu”), purea di cavolfiore in agrodolce e formaggio morbido. Il curriculum dello chef giapponese (Robuchon, Taillevent, Agapé) sarebbe impressionante anche per una persona molto più anziana, e con il suo sobrio arredamento parigino, il suo indirizzo franco-giapponese è da non perdere. Cosa dovrei ordinare? Quel panino di maiale tonkatsu.

6. Ristorante Passerini. Cosa troviamo? Come potevamo lasciare Giovanni Passerini fuori dalla top 10? Fornitore della migliore pasta di Parigi, la cucina di Passerini è precisa, confortante e del tutto priva di arie. Le trippe all’amatriciana sono un’altra cosa e il menu del pranzo feriale da 26 euro è un affare. Cosa ordinare? Tutto ciò che riguarda la pasta fresca fatta a mano.

7. Miznon. Cosa troviamo? Pollo, pesce, bistecca o verdure: qualunque sia la vostra scelta, rimboccatevi le maniche e preparatevi a sporcarvi con l’arte della pitta di Miznon. L’arredamento è diabolicamente barocco, con frutta e verdura che traboccano dagli scaffali, una playlist dance e personale allegro. Spesso è affollato, ma vale la pena aspettare 10 minuti. Cosa ordinare? L’agnello e, come dessert, la pitta “tarte tatin”.

8. Clamato. Qual è l’affare? Un altro successo di Bertrand Grébaut di Septime, questa volta un ristorante di pesce. L’interno è un mix di legno di capanna di pescatori, cemento e acciaio, e il menu cambia a seconda della marea. Gli ingredienti sono di una freschezza ineguagliabile e i vini sono eccellenti. L’unico inconveniente? Si entra solo a piedi. Cosa ordinare? I barbagianni bretoni sono un’esplosione di spezie e aglio.

9. Dersou. Cosa troviamo? Arredato in legno grezzo e cemento, il Dersou ha tutte le carte in regola per un design da Insta. Ma non è solo spettacolo: lo chef giapponese Taku Sekine prepara anche un menu vincente. Il concetto è semplice: ogni piatto è abbinato non a un vino, ma a mini-cocktail del sommo mixologo Amaury Guyot. Molto divertente. Cosa ordinare? Il ceviche di cocomero, spolverato con “neve” di fromage blanc.

10. Da Graziella. Cosa troviamo? Ci siamo innamorati della pizzeria napoletana Da Graziella, che ha sostituito il Vivant Cave. Gli interni di questo ex negozio di uccelli sono deliziosi: piastrelle in stile Art Nouveau con sfumature di smeraldo, chartreuse e giallo limone. L’impasto è ben lievitato, appiccicoso e cotto a legna alla perfezione. Anche i condimenti sono di prim’ordine: pomodori San Marzano DOP, olio extravergine di oliva di Sorrento e acciughe di Cetara in Campania. Cosa ordinare? La pizza fritta napoletana, brillantemente indulgente. E se avete spazio, la versione dessert con salsa al cioccolato.

Leggi anche: Cosa mangiare a Parigi, 15 piatti tipici

11. Waly-Fay. Qual è l’offerta? Con una capienza di 100 persone nelle sue due ampie sale, avrete buone probabilità di trovare un tavolo senza prenotazione al Waly-Fay, che serve la migliore cucina dell’Africa centrale e occidentale di Parigi. L’arredamento in legno grezzo e cemento è cool come la clientela bobo e la carta dei vini è eccezionale. Cosa ordinare? L’ndolé camerunese o la thieboudienne senegalese.

12. Vivant 2. Cosa troviamo? Ha solo 25 anni, ma Pierre Touitou ha già un curriculum scintillante (Plaza Athénée, Aux Deux Amis…). Ora ha aperto il suo indirizzo e il menu è ricco di sapori esplosivi e non convenzionali. L’arredamento in marmo illuminato da candele, la fenomenale colonna sonora e la selezione di 150 vini naturali fanno del Vivant 2 una tappa obbligata. Cosa ordinare? Lo splendido brasato di vitello in salsa mulukhiyah.

13. Le Servan. Cosa troviamo? Piatti fantasiosi di Tatiana Levha (ex Arpège e Astrance) e vini scelti dalla sorella sommelier Katia. Si pensi alle seppie crude con mango verde e al pollo Patis con asparagi bianchi, crosta di noci e chorizo. L’ambiente è caratterizzato da ottone dorato, modanature sul soffitto e cucina a vista. Cosa ordinare? Gli amuse-bouche di zakouski, il gustoso wonton di boudin noir o le cozze al basilico tailandese.

14. C.A.M. Cosa troviamo? Ultima apertura di Phil Euell – il designer newyorkese che ha creato l’eccellente caffetteria Boot – C.A.M. è il posto giusto se vi piace il finger food e vi piace il disordine. Lo chef coreano Esu Lee, formatosi a Hong Kong, serve piatti pan-asiatici da condividere. Cosa ordinare? Gli squisiti gamberetti con burro di mele e nocciole.

15. Le Chateaubriand. Cosa troviamo? Lo chef basco autodidatta Iñaki Aizpitarte gestisce questo elegante bistrot, dove la cucina è più avventurosa a cena, con piatti destrutturati come le tartare di bistecca con uovo di quaglia o gli asparagi con schiuma di tahini e schegge di croccante di semi di sesamo. A pranzo viene servito un menu molto più semplice (anche se più economico). Cosa ordinare? Il tocino de cielo della casa, con il suo lussuoso centro di crema pasticcera su una base dacquoise e inondato di caramello salato.

16. Quinsou. Cosa troviamo? Amiamo il Quinsou per la sua audacia senza alcuna traccia di pomposità. Lo chef Antonin Bonnet ha un curriculum lungo quanto il suo braccio (Le Sergent Recruteur a Parigi, The Green House a Londra e Maison Bras a Languiole). Rustico, elegante e saporito, Quinsou è uno dei migliori ristoranti di Parigi, ed è anche semi-economico. Cosa ordinare? Le ostriche in brodo di dashi giapponese o l’aragosta delle Isole Chausey.

17. L’Avant Comptoir du Marché. Cosa troviamo? Siamo ossessionati dai panetti di burro Bordier sul bancone de L’Avant-Comptoir du Marché di Yves Camdeborde, e anche il pane di mais crea dipendenza. Per accompagnare i ricchi piatti a base di carne di maiale, si consiglia di bere vini naturali al bicchiere. Avete un budget limitato? La scelta migliore sono le tapas (4-10 euro) e i dessert (2-6 euro). Cosa ordinare? Abbinate la terrina della settimana a un bicchiere di rosso naturale.

18. Le Baratin. Che cosa succede? Lo chef pasticcere Pierre Hermé visita questo piccolo e allegro bistrot ed enoteca di Belleville almeno ogni due settimane per fare il pieno della cucina casalinga di Raquel Carena (con qualche occasionale tocco esotico). Tipico del suo stile, che si ispira alla nativa Argentina, è il carpaccio di tonno con ciliegie o l’agnello basco arrosto con patate novelle e spinaci. Se il cibo non fosse così fantastico, varrebbe comunque la pena di venire per i vini (per lo più biologici). Le Baratin attira buongustai da tutta Parigi, quindi assicuratevi di prenotare. Cosa ordinare? L’animella di vitello, molto saporita.

19. Otium. Cosa troviamo? Non è mai stato facile essere vegetariani a Parigi, ma le cose stanno cambiando e, se volete fare a meno della carne durante il vostro prossimo viaggio, Otium dovrebbe essere il primo della vostra lista. L’hamburger di tofu alla griglia (8 euro) con pomodori succosi, lattuga croccante e una salsa BBQ da urlo è buono come quello vero. Cosa ordinare? L’hamburger di tofu è imperdibile, così come il biscotto al cioccolato fondente e fleur de sel (3 euro).

20. Cousine. Cosa troviamo? Un po’ bistrot, un po’ izakaya in stile Tokyo, questo locale alla moda vicino a Montmartre vanta una squadra da sogno: lo chef Takao Inazawa (ex-VerreVolé) e il sommelier Benoît Simon (Septime, Chateaubriand). Il menu di mezzogiorno, a 18 euro, è impareggiabile e i vini naturali sono impeccabili. Cosa ordinare? Il maguro katsu, una bistecca di tonno fritta con sedano e remoulade di rafano.

Leggi anche: 25 principali attrazioni turistiche di Parigi

21. Abri Soba. Cosa troviamo? Abbiamo già amato il primo indirizzo dello chef Katsuaki Okiyama, il grazioso bistrot giapponese Abri, e la sua seconda apertura è quasi altrettanto buona. Non ne abbiamo mai abbastanza dell’arredamento giapponese zen, delle pareti in legno e del pavimento in cemento, ma soprattutto dei sublimi noodles di soba di grano saraceno, da gustare in un brodo caldo o freddo, delicato, saporito e probabilmente il migliore di Parigi. Il menu serale è più raffinato: vongole al vapore di sakè, insalata di involtini di maiale al miso e una carta dei vini corta ma perfettamente curata. Cosa ordinare? Scegliete subito la soba con gamberi e verdure in tempura.

22. Ze Kitchen Galerie. Cosa c’è di buono? I piatti di pasta del Kitchen Ter(re) sono meravigliosamente raffinati e i dessert della Ze Kitchen Galerie Bis sono assolutamente deliziosi. Ma il nostro indirizzo preferito dello chef stellato William Ledeuil deve essere questo, il suo quartier generale. Andate all’ora di pranzo e optate per il menu fisso di tre portate da 48 euro. Aspettatevi una cucina di ispirazione asiatica elegante, colorata e precisa. Cosa ordinare? Il menu cambia ogni mese, ma a noi è piaciuto il manzo wagyu in due modi con pastinaca e carote.

23. Racines. Cosa troviamo? La cucina di Simone Tondo, ex chef della Dilia, è confortante e familiare, ma il menu di questo ristorante, splendidamente arredato e situato nel Passage des Panoramas, è arricchito da alcune aggiunte di fuoco. I piatti di ispirazione sarda sono generosamente speziati e porzionati, e i vini del sud sono di altissimo livello, soprattutto l’Opi d’Aqui. Non c’è un menu fisso, quindi preparatevi a sfoderare la carta di credito. Cosa ordinare? L’antipasto di vitello tonnato (vitello freddo a fette in una salsa deliziosamente cremosa).

24. Chez L’Ami Jean. Cosa troviamo? Lo chef Stéphane Jégo prende le specialità dei Paesi Baschi e le fa sue. Intenso e di carattere, il nostro piatto forte è stato lo stinco di vitello con cipolle perlate e fagioli di campo. L’arredamento del ristorante, con le sue banquette rosse e i suoi pannelli in legno, è vecchio stile come il suo menu. Prenotate in anticipo. Cosa ordinare? Le côtes de bœuf, francamente enormi, da condividere (90 euro per due).

25. Fulgurances. Cosa troviamo? Il concetto è particolare: ogni sei mesi un nuovo chef prende il timone, con un secondo in comando che aspetta dietro le quinte. La cosa migliore sono i prezzi: le formule per il pranzo sono solitamente comprese tra 19 e 25 euro. Quando siamo andati noi, Alban Chanteloup (ex-sous chef del Neptune di Ginevra) ha servito un idilliaco menu serale di nove portate, con sapori tratti dai suoi viaggi in Australia e Giappone. Cosa ordinare? Ci è piaciuta la fricassea di faraona di Chanteloup con tahini, zucchine e porri confit.

26. Rooster. Qual è l’affare? Il Gallo segna il grande ritorno del super-chef Frédéric Duca nella capitale francese. Dopo quattro anni a New York, questo chef mutevole (ex Passédat, Taillevent e Fouquet’s) è tornato a Batignolles per preparare piatti delicati e generosi che fondono sontuosi sapori francesi e italiani. Anche i cocktail creati da Amaury Guyot sono eccezionali. Cosa ordinare? Gli agnolotti fatti in casa, con qualsiasi cosa.

27. Adar. Cosa troviamo? Tamir Nahmias, uno dei tanti brillanti chef che hanno lavorato a Fulgurances, ha aperto questo ristorante-distilleria di ispirazione israeliana nell’affascinante Passage des Panoramas. Il menu di mezzogiorno ha un ottimo rapporto qualità-prezzo di 20 euro e, se non riuscite a trovare un tavolo nella sala da 15 posti, i piatti possono essere portati via tutto il giorno. Cosa ordinare? Forse non è avventuroso, ma il loro pollo al ras el-hanout è fatto in modo eccellente.

28. Eels. Cosa troviamo? La cucina a vista di Eels è il fulcro del locale e l’arredamento minimalista è quanto di più trendy ci si possa aspettare da Adrien Ferrand, che si è formato con William Ledeuil e ne condivide l’amore per le erbe fresche, i sapori agrumati e le spezie. I calamari alla griglia (27 euro) sono serviti con una purea di farro e crescione e sono resi perfetti per la colazione di nozze con limone e foglie di basilico tailandese. Anche i dessert hanno una marcia in più. Cosa ordinare? L’anguilla affumicata con mousse di matcha: è un matcha fatto in paradiso.

29. L’Avant Comptoir de la Mer. Cosa troviamo? La versione di pesce dell’Avant Comptoir de la Terre di Yves Camdeborde è prevedibilmente affollata ogni volta che ci si va. E per una buona ragione: gli eccellenti piccoli piatti (a partire da 4 euro), i secondi creativi e l’atmosfera molto rilassata hanno reso questo ristorante uno dei più cool al di qua della Senna. Ci piace soprattutto l’allestimento, in cui i clienti si affollano intorno a un bancone centrale e osservano gli chef che fanno le loro magie. Cosa ordinare? Il ceviche di merluzzo con cetrioli, Granny Smith e un jus di petits pois.

30. Les Pantins. Qui si può sprofondare nelle banquette blu uovo d’anatra sette giorni su sette, il che, a Parigi, è un vero vantaggio. Questo bistrot di alto livello ha prezzi ragionevoli, con Wahid Sahed (ex Bristol) alla guida durante la settimana e Antonin Mandel (famoso per Shangri-La e Kitchen Galerie) nel fine settimana. Accompagnate i piatti generosi e potenti con le scelte della carta dei vini di Guillaume Maugain, preferibilmente sulla grande terrazza.

Leggi anche: 12 migliori musei di Parigi

31. Le 975. Cosa troviamo? A due passi dall’Avenue de Clichy, questo locale dall’aspetto di un acquario e dalle grandi vetrate sprigiona dalla sua cucina a vista squisiti piatti giapponesi-francesi. Lo chef Taiki Tamao – ex Marc Veyrat – ha un debole per i piatti precisi e indulgenti che offrono un sorprendente miscuglio di sapori. E lo fa in modo brillante. È difficile non rimanere a bocca aperta di fronte al suo lavoro culinario. Punti bonus: il sommelier Mathieu Orazi ha in serbo circa 100 raffinate bottiglie (a partire da soli 21 euro). Cosa ordinare? Il maiale confit iberico con purè di patate e rucola.

32. Le Maquis. Cosa troviamo? La zona intorno a Jules Joffrin era già ben nota ai buongustai (ciao L’Esquisse, Au Bon Coin, Ô Divins, Sanguine) … e poi è arrivato Le Maquis. Paul Boudier ha arruolato Albert Touton dalla loro alma mater Chateaubriand; insieme abbinano piatti da bistrot moderno a vini rossi e bianchi francesi di prima qualità. Da non perdere il menu fisso di 16 euro nei giorni feriali. Cosa ordinare? La bistecca ben eseguita con spinaci, peperoni verdi, salvia e carciofi selvatici (23 euro).

33. Clover Grill. Cosa troviamo? Quando si arriva a questo indirizzo incentrato sulla carne di Jean-François Piège, la prima cosa che colpisce è il glorioso pong affumicato che si sprigiona dalla cucina a vista. Che meraviglia. E il sapore è anche buono? Molto. Che si tratti di grigliate alla brace o di spiedini, tutto è fatto alla perfezione. Cosa ordinare? La côte de bœuf da condividere e l’ananas à la broche.

34. Zaoka. Cosa troviamo? A tre minuti da Rue Mouffetard, nel cuore del Quartiere Latino, si trova una facciata turchese con vetri smerigliati. Entrate in questo piccolo bozzolo per vedere i due giovani chef che si cimentano in una minuscola cucina a vista e preparano piatti ricchi di sapori stravaganti, a metà tra lo street food e l’alta cucina. I gua bao, panini al vapore ripieni di pancia di maiale brasata che si sciolgono in bocca, suscitano ogni tipo di gemito di apprezzamento. Cosa ordinare? Guarniti con foglie di senape marinate e cosparsi di arachidi tritate, questi bao sono imbattibili.

35. Au Nouveau Nez. Cosa troviamo? Diretto da uno chef toscano e da un sommelier napoletano, Au Nouveau Nez è un piccolo e caratteristico ristorante-grotta decorato con pareti verde mela e mobili spaiati. Il menu prevede due antipasti, due secondi e due dessert, e basta. La platessa gialla con indivia grigliata e limone conservato è divina, ma non deve sorprendere: la chef Alessandra Olivi lavora solo con ingredienti di altissima qualità provenienti da piccoli produttori. Cosa ordinare? Gli gnudi con ricotta di bufala, acqua di fiori d’arancio e pomodori secchi.

36. Claude Colliot. Cosa troviamo? Benvenuti nel ristorante più bello (e discreto) del Marais. A due passi dal Pompidou, ma molto appartato, l’interno del ristorante è altrettanto sobrio, tutto pietra, legno chiaro e arredi contemporanei. Lo chef autodidatta Colliot intreccia influenze giapponesi nel suo menu ben curato, mentre la sommelier Chantal – sua moglie – attinge a un’impressionante selezione di vini. Cosa ordinare? Tutto ciò che proviene dall’orto di madame e monsieur.

37. Le Dauphin. Cosa troviamo? Il ristorante dello chef basco Iñaki Aizpitarte(Chateaubriand) sembra un po’ un laboratorio alimentare sperimentale. Arredato con specchi e marmo di Carrara, l’arredamento è clinico ma di classe, con una clientela alla moda servita da personale elegante che sembra esperto. I piccoli piatti, quasi delle tapas, si attengono alle basi, con il meraviglioso risotto al nero di seppia (12 euro) come piatto forte, quasi impossibile da preparare. Se venite a pranzo, potete aspettarvi un’inversione di tendenza: il menu di mezzogiorno è a tema sud-est asiatico. Cosa ordinare? Il risotto al nero di seppia è pura beatitudine.

38. Echo. Cosa troviamo? Forse l’avrete visto su Instagram: è un locale arioso, sobrio e ultramoderno, che non passa inosservato ai fotografi buongustai di passaggio. Il loro delizioso comfort food è altrettanto degno di foto: le uova strapazzate, servite su un’enorme brioche tostata (9 euro), sono eccellenti, soprattutto se abbinate al chorizo messicano o al gouda su un muffin inglese (10 euro). Da non perdere la salsa al peperoncino fatta in casa. Cosa dovrei ordinare? Quel panino messicano con chorizo e uova strapazzate.

39. L’Amarante. Dall’esterno, questo ristorante della Bastiglia non dà certo nell’occhio. Solo il nome L’Amarante e la scritta “Cuisine de France” sono stampati sul vetro. Tuttavia, all’interno, le panche bordeaux, le pareti bianche e le lampadine pendenti sono di grande tendenza. Ci sono piaciuti molto piatti come la guancia di manzo, cotta a fuoco lento per 30 ore in modo da non aver bisogno di un coltello per tagliarla. La lingua di vitello finemente affettata, servita con maionese fatta in casa, è altrettanto sublime.

40. Marrow. Cosa troviamo? A due passi dalla Gare de l’Est, questa nuova apertura di Hugo Blanchet (ex Atelier Robuchon) e del mixologist Arthur Combe è elegantemente arredata con pareti in pietra nuda, mobili in legno vecchio stile e tavoli bordati d’oro. Il cibo è prevedibilmente eccellente. Se c’è bel tempo, cercate un posto sulla piccola terrazza.

Leggi anche: 3 giorni a Parigi: l’itinerario perfetto

41. Saul’s. Cosa troviamo? Questa gastronomia di David Azoulay (fondatore della Pizza di Loretta) è piuttosto difficile da individuare. Non c’è un telefono, non c’è un menu online e non accetta prenotazioni. Bisogna semplicemente presentarsi e pregare che uno dei circa 20 posti a sedere sia ancora libero. È probabile che lo sia: pochi turisti si sono accorti di questo eccellente indirizzo israeliano… ancora. Il vasto menu è ricco di piatti generosi e sostanziosi, e tutti a prezzi decenti. Scendete in fretta. Cosa ordinare? Shakshuka o il favoloso panino sabich (8,50 euro).

42. Le Bar des Prés. Cosa troviamo? Se vi piacciono i cocktail forti e avete un debole per uno o due piatti giapponesi, siete nel posto giusto. Con i suoi paralumi in vimini e le sue banquette a fantasia, questo locale di Saint-Germain-des-Prés è chic e accogliente. Prendete uno sgabello e ammirate gli chef al lavoro in cucina. Cosa ordinare? Il salmone alla californiana con avocado, jalapeños e sriracha.

43. Paris-New York (Strasbourg-Saint-Denis). Cosa troviamo? Può essere un po’ difficile entrare, ma dentro ci sono meraviglie. Macinate e stagionate in loco, le migliori bistecche per hamburger di Parigi provengono dal Finistère attraverso Le Ponclet, fornitore di pochi ristoranti parigini. Le patatine fritte sono fatte a regola d’arte. Da bere, vino naturale e una gamma di 19 birre artigianali, “da Montreuil allo Sri Lanka”. Cosa ordinare? Il Golden State of Mind, con patty Le Ponclet, cheddar stagionato 18 mesi, pancetta affumicata, pomodori e senape francese tradizionale.

44. Boutique Yam’Tcha. Cosa troviamo? I bao buns al vapore della chef Adeline Grattard sono preparati con farina di frumento e farciti con qualsiasi cosa le venga in mente: comté, cipolle al curry, verdure, granchio, maiale basco e melanzane del Sichuan. Il prezzo è di 16 euro per cinque bao e, a differenza del ristorante gemello Yam’Tcha, premiato con una stella Michelin, che si trova dietro l’angolo, anche il resto del menu ha un prezzo ragionevole. Cosa ordinare? Il bao allo stilton e amarena.

45. Le Tagine. Cosa troviamo? Gli amanti del couscous dovrebbero dirigersi verso questo indirizzo cool nell’11° distretto. Ci piace l’arredamento da “Mille e una notte”, i cocktail (uno è un irresistibile intruglio di curaçao, liquore di fichi, succo d’arancia e menta) e la superba selezione di vini naturali. Oltre alle tagine, naturalmente, che secondo Yves Camdeborde sono le migliori della città. Cosa ordinare? Il couscous speciale con una gamma di carni. La semola è tirata a mano e finissima.

46. Breizh Café Batignolles. Cosa troviamo? Nella ricca Batignolles (e fuori dalla portata delle orde di turisti), questa è la quarta apertura della migliore mini-catena bretone di Parigi. È la meta perfetta per cenare a Parigi la domenica sera e gli ingredienti sono di prima qualità: Salsiccia Guémené Andouille, farina di grano saraceno biologica, prosciutto (assolutamente privo di nitrato di sodio), sidri biologici artigianali come il P’tit Fausset e burro Jean-Yves Bordier. Cosa ordinare? La galette con tomme de savoie, pancia di maiale affumicata, uova strapazzate biologiche, panna e patate vitelotte.

47. Double Dragon. Cosa troviamo? Katia e Tatiana Levha hanno fatto di nuovo centro con questo ristorante a pochi passi da Le Servan (al numero 13 di questa lista). L’arredamento è simile, ma il menu si concentra su piatti fusion asiatici di alta qualità. Un’ottima alternativa se non riuscite a trovare posto all’altro indirizzo dei Levha. Cosa ordinare? Il pollo fritto generosamente piccante.

48. Krishna Bhavan. Cosa troviamo? L’arredamento gloriosamente kitsch del Krishna Bhavan compensa quasi l’ambientazione a gomito a gomito. Il menu vegetariano dell’India settentrionale è uno dei migliori di Parigi e tutto ha un prezzo ragionevole. La beatitudine senza spendere troppo. Cosa ordinare? Il cheese paratha, una popolare focaccia indiana, con tre ottimi curry vegetariani (8,50 euro).

49. Deux Fois Plus de Piment. Cosa troviamo? A pochi passi dal mega-store Merci, questo ristorante di Sichuan rimane senza dubbio il miglior lavoro del proprietario Monsieur Cheng, sebbene anche Trois Fois Plus e Cinq Fois Plus siano eccellenti. Ora è arredato con eleganti legni chiari e mobili in stile industriale, ben lontano dal fatiscente takeaway di una volta. Aspettatevi piatti delicati e raffinati che traboccano di sapori decisi e di molte spezie. Cosa ordinare? Il semplice piatto di maiale con cipolline non deve mancare.

50. Pharamond. Cosa troviamo? Questa splendida brasserie d’epoca è rimasta relativamente immutata dal 1832. Un mix di parigini e turisti affolla il Pharamond sia per il suo arredamento glamour – cabine di velluto rosso, lampadari di cristallo giganti, tovaglie bianche scintillanti – sia per il fenomenale cibo da bistrot. Potreste dover fare la fila all’esterno, ma credeteci, ne vale la pena. I piatti arrivano velocemente e non c’è niente di meglio di una cena di due portate, vino compreso, a meno di 20 euro. Cosa ordinare? Tutto. Ma soprattutto la bourguignon di manzo, la terrina di pollo con sottaceti e la brandade di eglefino.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento