Guida turistica dell’isola di Patmos, Grecia

By | Marzo 10, 2022
Patmos

La piccola isola greca di Patmos si trova nel Mar Egeo ed è famosa soprattutto per essere il luogo in cui ebbe luogo la visione di San Giovanni e la scrittura del Libro delle Rivelazioni della Bibbia. Per questo è un importante e antico luogo di pellegrinaggio per i cristiani. I visitatori possono vedere la Grotta dell’Apocalisse dove è stato scritto il libro, nonché i monasteri dedicati al santo, dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO insieme alla capitale e città storica di Chora.

Oggi, insieme al suo intenso significato spirituale, l’isola vanta una bellezza unica con le sue scogliere a strapiombo e il suolo vulcanico che attira sulle sue coste persone da tutto il mondo.

Dove si trova Patmos

Patmos è la più settentrionale della catena di isole del Dodecaneso, situata nell’est della Grecia. L’isola è incastonata tra Ikaria a nord e Leros a sud, con le isole minori Fournoi, Lipsi e Levitha nelle vicinanze. Altre isole non lontane da Patmos includono Samos, Naxos e Kos.

Il periodo migliore per visitare Patmos

Il periodo migliore per visitare Patmos è durante la stagione estiva da maggio a ottobre poiché le temperature sono calde, precipitazioni minime ed è completamente aperta ai viaggiatori. I mesi precedenti e successivi (aprile-giugno e settembre-ottobre) ci sono prezzi migliori e meno folla, quindi sono perfetti per chi cerca una destinazione estiva relativamente tranquilla.

Poiché Patmos è un’isola nota per il suo legame religioso, è anche interessante viaggiare durante le feste religiose come la Settimana Santa in vista della Pasqua e la Festa di San Giovanni che si celebra due volte a Patmos l’8 maggio e il 26 settembre. Naturalmente, queste sono feste religiose serie in Grecia, quindi è importante avere molto rispetto se scegli di viaggiare in questo periodo.

Cosa fare e vedere a Patmos, in Grecia

Leggi anche: Cose da fare sull’isola di Naxos, in Grecia

1. Visita Chora

Situata nella parte centro-meridionale dell’isola, Chora è la capitale di Patmos, è costruita attorno all’imponente Monastero di San Giovanni. La città è ricca di case imbiancate a calce, splendidi palazzi e cortili fioriti, alcuni dei quali risalgono al XV secolo. I visitatori possono divertirsi nei numerosi affascinanti ristoranti, caffè e negozi all’interno della capitale. I suoi vicoli stretti furono originariamente costruiti per evitare pirati e turchi, ma una passeggiata notturna è consigliata per la sua atmosfera romantica.

2. Monastery of Saint John

Adagiato come un castello regale che domina Chora, il Monastero di San Giovanni è il centro religioso più importante dell’isola e la sua presenza è visibile da ogni parte. Fu fondato nel 1088 da Ossios Christodoulos e fu costruito pensando all’architettura bizantina, come si vede nelle sue spesse mura, torri e bastioni. All’interno del monastero si trovano squisite cappelle, un imponente museo, preziose reliquie, paramenti e indumenti e un’ampia biblioteca con oltre 2.000 volumi, 13.000 documenti storici e 900 manoscritti.

3. Cave of Apocalypse

Situata a metà della montagna del Monastero di San Giovanni, la Grotta Santa ha un notevole valore religioso. Nella grotta si possono vedere i mosaici raffiguranti le visioni, il luogo di riposo di San Giovanni dove usò una roccia come cuscino e le fessure dove udì la voce di Dio. È uno straordinario esempio di luogo di pellegrinaggio ed è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità nel 2006. Si prega di notare che fotografare non è consentita all’interno della Grotta.

4. Visita i mulini a vento di Chora

Adagiati sulla cima di una collina che domina il Mar Egeo, i tre mulini a vento di Chora furono originariamente costruiti per la macinazione dei cereali nella produzione di farina durante il periodo del Rinascimento. Due dei mulini a vento risalgono al 1588 e il terzo fu costruito nel 1863. Quando la produzione della farina si trasferì in fabbriche più grandi, i mulini a vento caddero in disuso e abbandonati. Nel 2009, tuttavia, i mulini a vento sono stati restaurati e oggi sono un’attrazione culturale, educativa e conservativa.

Leggi anche: Guida turistica di Rodi, Grecia

5. Le spiagge di Patmos

Agriolivado beach

Situata a 8 km da Chora e a 3 km dal porto di Skala, questa piccola spiaggia isolata è composta sia da sabbia che da ciottoli bianchi. Le sue acque sono calme e cristalline. Una vegetazione lussureggiante circonda la spiaggia e lettini e ombrelloni sono disponibili per i visitatori.

Kambos beach

Questa spiaggia di ciottoli ben organizzata è lunga un paio di chilometri e si trova a 9 km da Chora. È ombreggiata con acque pulite e poco profonde e offre ai visitatori numerose attività acquatiche come windsurf, canoa e parapendio. Nelle vicinanze troverete anche hotel e taverne che servono deliziosi frutti di mare. È una delle spiagge più famose dell’isola.

Meloi Beach

Poiché questa spiaggia si trova a soli 2 km da Skala, è un luogo popolare per gente del posto e turisti. Si tratta di una spiaggia sabbiosa ombreggiata da tamerici con una darsena per ormeggi poco profondi. Intorno all’area si trova una taverna, un ristorante, un minimarket e un campeggio a soli 20 metri dalla spiaggia.

Vagia beach

Tranquilla e bellissima, questa spiaggia si trova a 11 km da Skala e presenta ciottoli, alberi e si dice che abbia le acque più fredde dell’isola.

Lambi beach

Famosa per i suoi ciottoli multicolori, Lambi è una lunga spiaggia con acque cristalline e tamerici che fanno ombra. Si trova a 14 km da Chora, raggiungibile in barca da Skala e in auto oa piedi da Kambos. C’è una taverna sulla spiaggia che serve piatti locali, e nelle vicinanze si trovano i resti del XVI secolo di Platis Gialos e la Chiesa della Trasfigurazione.

Psili Ammos

Tradotta in “sabbia fine”, questa pittoresca baia si trova a 10 km da Chora ed è raggiungibile con un’escursione di 15 minuti o in barca da Skala. È considerata una delle migliori spiagge di Patmos, con sabbie dorate, ampie dune, acque azzurre cristalline e tamerici. C’è anche una taverna sulla spiaggia.

Livadi Geranou

Questa spiaggia sabbiosa vanta acque limpide, zone ombrose ed è raggiungibile con tutti i mezzi di trasporto essendo situata sulla costa nord-orientale dell’isola. C’è una taverna nelle vicinanze per rinfreschi e cucina locale, e il prato in fondo alla spiaggia fiorisce di orchidee durante la primavera.

Liginou beach

Queste spiagge gemelle a mezzaluna si trovano una accanto all’altra e sono ciottolose con acque cristalline. I tamerici forniscono ombra, ma per il resto non ci sono strutture lì. È raggiungibile in barca o in auto e sta diventando sempre più popolare man mano che le strade migliorano da Kambos via Vagia.

Leggi anche: Firenze, uno dei più grandi capolavori architettonici del mondo

6. Visita il villaggio di Skala

Skala è il porto principale, il più grande insediamento dell’isola, e si trova proprio al centro di Patmos. Oltre ad essere il centro commerciale, è ricco di luoghi incantevoli da vedere, tra cui la Chiesa di Agia Paraskevi di Cavos del XVII secolo da cui si può ammirare il magnifico panorama, le antiche rovine di un’acropoli, il Monastero di Zoodochos Pigi, e la chiesa di Panagia Koumana. I visitatori possono anche vedere le pittoresche taverne, ristoranti, bar e negozi pieni di souvenir di buon gusto e splendidi vestiti estivi.

7. Fai una gita di un giorno alle isole di Arki, Marathi e Lipsi

Durante il giorno, i visitatori possono viaggiare verso gli isolotti di Arki, Marathi e Lipsi attraverso escursioni in barca che partono ogni giorno dall’estremità nord-ovest del molo di Skala. Lipsi è stata rinnovata grazie al turismo e quindi ha molto da vedere e da fare, mentre Arki e Marathi sono meno popolate e offrono lunghe spiagge sabbiose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.