street food Roma

Tradizionalmente gli italiani amano prendersi il loro tempo a tavola, ma la scena dello street food Roma è varia e vivace, piena di opzioni da leccarsi i baffi per deliziosi bocconi veloci, piatti economici e spuntini in movimento. Patria di piatti famosi in tutto il mondo, la capitale d’Italia è anche una buona concorrente per la capitale culinaria. Di conseguenza, non sorprende che Roma sia stata votata come una delle migliori città al mondo per lo street food, nonostante l’Italia sia la fondatrice del movimento slow food. Dal trapizzino ai supplì alla pizza al taglio, ecco la guida di al miglior cibo di strada Roma, per accompagnarvi dalla colazione alla cena.

Leggi anche: Cosa mangiare a Roma

13 piatti imperdibili dello street food Roma

I romani hanno inventato lo street food? Con i cambiamenti culturali, sociali e di stile di vita, uniti al desiderio di avere le cose sempre più velocemente, il cibo on the go sta diventando sempre più popolare, con oltre 2,5 miliardi di persone in tutto il mondo che consumano cibo di strada ogni giorno. Tuttavia, il cibo di strada Roma risale a più di 2000 anni fa, quando i residenti che non avevano forni o attrezzature per cucinare, acquistavano spesso cibo caldo da venditori ambulanti, bancarelle o mercati al coperto noti come macellum. I venditori di cibo offrivano spuntini come pesce fritto e piselli salati ai visitatori delle terme romane e agli spettatori del Colosseo che assistevano alle battaglie dei gladiatori.

1. Pizza al taglio. La pizza al taglio è il cibo di strada per eccellenza di Roma, popolare in tutta Italia. A differenza della normale pizza mangiata seduti in pizzeria, la pizza al taglio è uno street food da asporto, spesso consumato fuori dalla pizzeria o in una piazza vicina. Viene tagliata con rotella o forbici in fette rettangolari, a seconda della quantità desiderata. La pizza al taglio si trova in quasi tutte le strade di Roma e varia per qualità e prezzo, da una sola moneta per un trancio, fino a 45 euro al chilo in alcune pizzerie gourmet.

2. Supplì. Da non confondere con l’arancino siciliano, i supplì sono uno degli spuntini più popolari dello street food a Roma, che risale all’Ottocento. Si acquistano come antipasto nella maggior parte delle pizzerie, dei ristoranti locali e delle osterie. Il supplì classico è una polpetta di riso fritta ripiena di ragù e mozzarella, ma negli ultimi tempi gli chef hanno creato delle varianti utilizzando ingredienti gourmet.

3. Trapizzino. Il Trapizzino è una recente aggiunta allo street food Roma, creata nel 2008 dal pizzaiolo Stefano Callegari. Oltre ai tre punti vendita di Roma (Testaccio, Trastevere, Stazione Termini), è possibile trovare questo street food romano anche a Milano, Napoli, Torino e New York. Il concetto è semplice: si prende la pasta della pizza in una tasca triangolare e si aggiungono ingredienti gourmet. Tra gli esempi, polpette, parmigiana di melanzane, coda di bue romana e carciofi.

4. Porchetta. Il Panino con porchetta è un panino ripieno di carne di maiale arrostita, croccante all’esterno e succosa al centro. È farcito con aglio, rosmarino e altre erbe aromatiche. Questo cibo di strada è popolare in tutta la regione Lazio, con le città romane di Marino e Ariccia più strettamente associate a questo spuntino.

5. Filetto di baccalà fritto. Risalente all’antica Roma, il più antico street food romano è il filetto di baccala. Si tratta di un filetto di baccalà immerso nell’uovo, pastellato e fritto, servito come si conviene a uno street food in un cono di carta da portare via.

Leggi anche: Cosa mangiare a Milano

6. Maritozzi. I maritozzi sono un dolce tipico romano, consumato nei bar per la prima colazione e come spuntino fuori orario. Tradizionalmente il maritozzo è una soffice pagnotta di pane ripiena di panna montata, ma recentemente è stato servito anche con opzioni salate.

7. Calzone. Nato a Napoli nel XVIII secolo, il calzone è oggi amato in tutto il mondo. Si tratta essenzialmente di una pizza arrotolata su se stessa, a volte chiamata anche “girotondo”; un’alternativa ideale alla pizza per lo street food Roma.

8. Carciofi alla giudia. Il ghetto ebraico risale al II secolo a.C. e ha lasciato un’enorme impronta sulla cucina di Roma. Un antipasto popolare è il carciofo alla gouda, un carciofo fritto con uno strato esterno croccante. Nonostante le sue origini ebraiche, i carciofi alla giudia si trovano oggi comunemente nei menu dei ristoranti di tutta Roma come antipasto. Un consiglio locale è quello di mangiarli quando sono di stagione, da marzo a maggio, dove vedrete mucchi di carciofi sui tavoli fuori dai ristoranti.

9. Pinsa. Qual è la differenza tra pizza e pinsa? La pinsa è un’antica pizza romana di forma ovale, croccante all’esterno e morbida all’interno. L’impasto utilizza farina di grano, riso e soia, con più acqua e meno sale rispetto alla pizza. Questo rende l’impasto più arioso e un’opzione più sana rispetto alla pizza. Pinsa non è solo il nome romano della pizza. È un piatto che si suppone abbia le sue origini nell’Antica Roma e ha caratteristiche molto diverse dalla pizza napoletana. Per cominciare, l’impasto è composto da una miscela di farine di grano, soia e riso. Ha un’idratazione del 75% che lo rende facilmente digeribile ed è soggetto a una levitazione naturale di 48-72 ore. Un’altra differenza è la forma ovale allungata che distingue visivamente la pinsa dalla pizza. Recentemente “riscoperta”, la pinsa è diventata una caratteristica molto popolare della scena del cibo di strada di Roma.

10. Le polpette di bollito sono sfere o dischi di carne di manzo cotta a fuoco lento. Le polpette vengono formate, impanate e fritte. Questo snack è nato come un modo per i cuochi di casa e i ristoranti di utilizzare gli avanzi di carne, che venivano impanati con uovo e pangrattato.

11. La pizza co’ la mortazza, essenzialmente un panino con la mortadella, è uno dei più classici spuntini romani. La pizza bianca, una focaccia locale, viene aperta e riempita con alcune fette sottili di mortadella. Il panino è migliore quando la pizza è appena uscita dal forno e la mortadella si scioglie nel pane fumante.

Leggi anche: Cosa mangiare a Firenze, dieci specialità

12. Gelato. Non siete stati a Roma se non avete mangiato un gelato. Ma il gelato è cibo di strada? Beh, lo si compra per strada e di solito lo si mangia con le mani, quindi per noi si. Ci sono così tante scelte per il miglior gelato di Roma, che individuarne uno è molto difficile. Naturalmente ci sono tutti i gusti che ci si aspetta, comprese molte opzioni vegane e senza lattosio, oltre a sapori insoliti come lo zabaione al marsala e le fave al pecorino.

13. Castagne. Le caldarroste sono uno street food che risale al 2000 a.C., quando i Romani le davano in pasto ai loro eserciti. In questi giorni i venditori ambulanti di tutta Roma vendono castagne appena arrostite, come spuntino nutriente e povero di grassi da consumare in viaggio; fate solo attenzione a non scottarvi le dita. Oltre al gusto, le castagne offrono diversi benefici per la salute, ricchi di vitamine e minerali, tra cui ferro, potassio e magnesio.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento