Cala d'Hort

Cala d’Hort a Ibiza è una delle spiagge più belle e conosciute delle Isole Baleari, situata nel Parco Naturale di Cala d’Hort, Cap Llentrisca e Sa Talaia, la cima più alta dell’isola con i suoi 475 metri. Quest’area copre parte della costa sud-occidentale dell’isola e protegge i dintorni di Cala d’Hort, Cala Carbó e Cala Vedella, oltre agli isolotti di Es Vedrà, Es Vedranell e els illots de Ponent, dichiarati riserva naturale per la loro enorme biodiversità, con flora protetta e una grande colonia di uccelli.

Vi consiglio di visitare Cala d’Hort perché vi assicuro che vi innamorerete di questo luogo, così come del suo tramonto, essendo uno dei posti migliori per vedere il tramonto a Ibiza.
Di seguito vi dirò tutto quello che dovete sapere per visitare una delle migliori calette di Ibiza. Iniziamo!

Come arrivare a Cala d’Hort

Per arrivare a Cala d’Hort non ci sono mezzi di trasporto pubblici, si può arrivare in diversi modi, in auto o in moto:

Da Sant Josep si deve prendere la strada PMV-803-1 in direzione Es Cubels, sempre dritto. Dopo circa 5 chilometri si deve prendere la deviazione per Puig Blanc, indicata sulla destra come Cala d’Hort. Poi si deve proseguire dritti fino a raggiungere questa famosa cala di Ibiza (tempo di percorrenza circa 15 minuti).

Da Sant Antoni prendete la strada PM-803 e dopo circa 8 chilometri girate a destra, con le indicazioni per Sa Talaia, Cala d’Hort, Cala Vedella, Cala Molí, Cala Tarida, Cala Carbó. Poco più avanti troverete una rotatoria dove dovrete prendere la strada con le indicazioni per Cala Vedella, Cala d’Hort, Cala Carbó e Sa Talaia. Infine, più avanti, dovrete prendere una deviazione a destra e un’altra a sinistra fino a raggiungere Cala d’Hort (tempo di percorrenza tra 20 e 25 minuti). Sembra complicato ma non lo è, e potete sempre usare Google Maps.

Per arrivare dalla città di Ibiza bisogna percorrere la strada PM-801, poi alla rotatoria prendere la deviazione per Sant Josep e proseguire sulla PM 803. Arriverete quindi all’incrocio di Es Cubells e dovrete prendere la svolta a sinistra e poi la svolta Puig Blanc a destra, con indicazione Cala d’Hort (tempo di percorrenza circa 20-25 minuti).

Dove parcheggiare a Cala d’Hort

Il problema principale di questa cala è che è una delle più popolari di Ibiza, quindi si riempie molto presto. Questo, insieme al fatto che non c’è quasi nessun parcheggio, rende davvero difficile parcheggiare l’auto.

Man mano che ci si avvicina, la pendenza della strada aumenta. Ad una curva troverete un piccolo parcheggio gratuito con circa 25 posti auto in batteria e le auto parcheggiate in fila sulla corsia di emergenza sul lato opposto della strada.

Vi consiglio di parcheggiare il prima possibile, anche se dovete camminare e non arrivare fino alla fine della strada, perché probabilmente non troverete un posto per parcheggiare l’auto. Inoltre, poiché la strada non ha un’uscita, ma solo una piccola rotonda per girare, di solito ci sono piccoli ingorghi.

Suggerimento: prima di arrivare a Cala d’Hort, si può svoltare su una strada sabbiosa in direzione del ristorante Es Boldadó (c’è un cartello rustico sul ciglio della strada). Sebbene il locale disponga di un parcheggio riservato ai clienti, è relativamente facile parcheggiare all’esterno. L’unico problema è che bisogna scendere alcune scale e attraversare le rocce e la zona delle capanne da pesca dove i pescatori tengono i tradizionali llaüts, quindi questo percorso non è consigliato alle persone con mobilità ridotta o se si visita la cala con bambini piccoli.

Dove mangiare a Cala d’Hort

Se scegliete di mangiare a Cala d’Hort, sappiate che qui si trovano tre dei più noti ristoranti di Ibiza.

El Carmen è un ristorante di Cala d’Hort considerato uno dei migliori di Ibiza. Vi assicuro che è meraviglioso gustare piatti deliziosi come la paella, lo stufato di aragosta o il bullit de peix, uno stufato di pesce tipico della cucina di Ibiza e Formentera, proprio di fronte all’isolotto di Es Vedrà. È consigliabile prenotare perché tende a riempirsi.

In cima alle scogliere si trova Es Baldadó, un ristorante di Cala d’Hort che si raggiunge dalla strada o dalla spiaggia attraverso le rocce e le capanne dei pescatori, salendo una scala di legno che conduce allo stabilimento. Uno dei ristoranti più importanti di Ibiza, conosciuto anche come Ca na Vergera, dal nome della famiglia che lo ha fondato e gestito. È un locale rustico, con un arredamento da pescatore, specializzato in piatti a base di riso e pesce, dove si può gustare una deliziosa aioli con la migliore vista su Es Vedrà.

Un altro posto dove mangiare in questa cala è il ristorante Cala d’Hort, molto popolare grazie alla sua deliziosa paella e al suo servizio cordiale.

Cala d’Hort

Cala d’Hort è una spiaggia protetta da una scogliera, lunga circa 200 metri e larga tra i 15 e i 25 metri, con due zone ben differenziate, in quanto ad una estremità si trova sabbia fine e all’altra scogli. Le sue acque sono cristalline e poco profonde, ideali per i più piccoli e per lo snorkeling. Questa cala dispone anche di un bagnino, di sedie a sdraio e ombrelloni a noleggio e di un piccolo negozio di abbigliamento da spiaggia.

L’attrazione principale e ciò che rende Cala d’Hort una delle calette più popolari e belle di Ibiza è che vi troverete a poche centinaia di metri dai misteriosi isolotti di Es Vedrà, alto 382 metri, e Es Vedranell, alto 182 metri. Un luogo circondato da leggende e misticismo di cui si narra che sia il terzo luogo più magnetico della terra, che abbia ispirato l’Odissea di Omero o che sia la punta della città sommersa di Atlantide, tra le tante. Storie che non sono altro che leggende, anche se è vero che ha un’aura molto spaziale che si accentua al tramonto.

Tramonto a Cala d’Hort

Il tramonto a Cala d’Hort è, insieme a quello di Benirrás e del Café del Mar a Sant Antonio, i tramonti più noti di Ibiza. Sebbene sia possibile ammirare il tramonto, vi consiglio di farlo da alcuni dei suoi punti panoramici:

Punto panoramico di Cala d’Hort ai piedi della torre di guardia di Es Savinar: per me è il miglior punto di osservazione del tramonto. Sulla strada, poco prima di iniziare la discesa verso la spiaggia da Es Cubells, vedrete un cartello fucsia che indica “Torre des Savinar”. Si consiglia di lasciare l’auto prima di iniziare la strada privata e di camminare verso destra.

In circa 20-25 minuti si raggiunge la scogliera situata ai piedi della torre di guardia e sopra la popolare Atlantide, Sa Pedrera de Cala d’Hort, il nome dato dagli hippy a questo luogo dalle curiose formazioni rocciose. Una volta raggiunto il primo belvedere, se lo si desidera, si può salire al secondo belvedere della torre.

Il punto panoramico è la Torre des Savinar, nota anche come Torre des Cap des Jueu o Torre del Pirata: salendo dal punto panoramico precedente si raggiunge una torre di avvistamento del XVIII secolo, oggi di proprietà privata e visitabile con un biglietto d’ingresso di 3 euro. La salita a questo punto panoramico di Cala d’Hort è un po’ più complicata, ma vi assicuro che la vista ne vale la pena. Se non sapete ancora dove andare al mare: Spagna dove andare al mare: I posti migliori

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento