Cosa mangiare in Calabria

La cucina calabrese è una delle cucine più caratteristiche d’Italia, avendo sopportato secoli di invasioni, colonizzatori e immigrati, tra cui greci, romani, francesi, arabi e spagnoli, che hanno tutti influenzato la piccante cucina del Sud Italia. Ogni regione d’Italia ha i suoi piatti tipici e i suoi ingredienti locali che conferiscono alla pasta una connotazione regionale, e nessuna lo è di più della Calabria, la regione più meridionale d’Italia, che costituisce la suola e la punta del paese a forma di stivale. Scoprire cosa mangiare in Calabria è uno dei punti forti di un viaggio in questa regione. Mentre ci sono molti piatti onnipresenti in tutta Italia, come la pasta e l’immancabile pizza, quasi tutti i piatti italiani possono essere ricondotti a una regione d’Italia, e la cucina di questa regione dell’Italia meridionale è una delle più caratteristiche. Al centro della cucina calabrese e di altre cucine del Sud Italia c’è il concetto di cucina povera o “cucina contadina”, in cui ci si arrangia con quello che si ha, dalla preparazione della pasta con la farina di castagne all’utilizzo di ogni pezzo dell’animale che viene macellato – il che spiega la popolarità dei piatti calabresi con la trippa.

Come per molte grandi cucine, l’inventiva derivante dalla necessità di cucinare dal naso alla coda, insieme alla conservazione, ha fatto sì che la cucina calabrese, sostanziosa e speziata, si distinguesse da quella della vicina Sicilia e delle regioni del nord, pur rimanendo sempre la quintessenza dell’Italia. Questa apparente semplicità nasconde la creatività che hanno applicato ai cibi tipici calabresi, nonché quanto sia salutare la dieta mediterranea, con il suo fantastico olio d’oliva e le verdure e la frutta fresche come componenti chiave. Ma nella sua anima, il cibo calabrese è soprattutto rustico, sostanzioso e onesto. Gli invasori stranieri hanno avuto un enorme impatto sulla cucina calabrese, così come su quella siciliana, appena al di là del mare. Gli arabi hanno portato nella zona le spezie, alcuni frutti e, in parte, la pasta. Ci sono anche tracce di influenze francesi, ebraiche e spagnole evidenti nelle cucine della Calabria e della Sicilia.

Leggi anche: Cosa vedere a Reggio Calabria

Cosa mangiare in Calabria, 10 cibi calabresi

1. Gelato al torrone. Anche se il nome suggerisce il contrario, il torrone gelato non è un gusto di gelato, ma una varietà di torrone molto morbido. È tradizionalmente associato a Reggio Calabria, anche se si trova anche a Messina e Bagnara. Non va confuso con il torrone tradizionale di Bagnara. La base è solitamente costituita da zucchero di canna aromatizzato agli agrumi, mentre il torrone è tipicamente tempestato di mandorle e frutta candita. A volte la base è colorata per creare strati colorati. Di solito è ricoperto di cioccolato fondente e, sebbene sia associato principalmente al periodo natalizio, viene prodotto e gustato tutto l’anno.

2. Ginetti. Questo dolcetto calabrese è tradizionalmente gustato per Pasqua, ma viene comunemente preparato anche per altre festività, in particolare per i matrimoni. I biscotti Ginetti sono preparati con una base di farina e uova e sono tipicamente aromatizzati con anice e scorza di limone. Vengono prima cotti in acqua, poi cotti al forno e infine glassati con una glassa reale aromatizzata con succo di limone.

3. Pasta alla jonica. La pasta alla jonica è un piatto tipico della Calabria. Il piatto è solitamente preparato con una combinazione di pomodori, peperoni dolci o piccanti, aglio, guanciale, spaghetti, basilico, olio d’oliva, sale e pecorino. L’aglio e il guanciale vengono soffritti in olio d’oliva e poi mescolati al basilico e ai pomodori e peperoni cotti. Gli spaghetti vengono cotti in acqua bollente, scolati e poi conditi con la salsa. Prima di servire, questo piatto di pasta viene cosparso di pecorino grattugiato.

4. Lagane e cicciari. Lagane e cicciari è un cibo tipico calabrese. Questo piatto di pasta si prepara con una combinazione di ceci, aglio, olio d’oliva, cipolle, vino bianco, prezzemolo e lagane – un antico tipo di pasta di grano duro senza uova che viene modellata in nastri corti e larghi. La pasta viene unita ai ceci cotti e alla salsa di accompagnamento e il tutto viene fatto saltare fino a quando non diventa lucido. Il piatto viene condito con sale e pepe nero macinato e servito ben caldo.

Leggi anche: Cosa vedere a Scilla, la piccola Venezia

5. Rigatoni alla silana. I rigatoni alla silana sono un piatto di pasta tradizionale italiano, originario del massiccio montuoso della Sila calabrese. Sebbene esistano molte ricette, il piatto è solitamente preparato con una combinazione di rigatoni, salsiccia secca a fette, prosciutto crudo, guanciale, funghi porcini, pomodori, cipolle, aglio, basilico, prezzemolo, peperoncino, burro, caciocavallo, pecorino, olio d’oliva, sale e pepe nero in grani. Le cipolle, i pomodori, l’aglio, il prezzemolo, il basilico, la salsiccia, il guanciale, i funghi, il prosciutto, l’olio d’oliva e i peperoncini vengono salati e cotti lentamente per alcune ore in un tegame di terracotta. I rigatoni vengono cotti in acqua bollente salata e aggiunti al sugo a fuoco lento.

6. Morzello. Il morzello è un piatto tradizionale italiano originario di Catanzaro. Conosciuto nel dialetto locale come morzeddhu, è fatto con trippa e frattaglie di vitello, pomodori, peperoncini, alloro, olio d’oliva e origano. Gli ingredienti vengono fatti cuocere a fuoco lento per almeno un paio d’ore. Tradizionalmente, il morzello si mangia con un pane locale a forma di anello chiamato pitta. La pitta viene aperta a fette e il morzello viene farcito all’interno come un panino, detto appunto morzello in pitta. In passato, i lavoratori lo mangiavano durante la pausa mattutina.

7. Pasta e alici. Conosciuta anche come pasta con la mollica alla calabrese o, in dialetto, pasta ca muddicata, la pasta e alici è uno dei piatti tipici della Calabria, preparato con acciughe e pangrattato tostato. Semplice e veloce da realizzare, è un piatto tipico della cucina povera, estremamente gustoso e saziante, pur essendo composto da pochi ingredienti di base. Pane grattugiato croccante, peperoncini, olio d’oliva, pomodori a pezzetti e acciughe, saltati sulla pasta cotta al dente, creano un piatto pieno di sapori forti ma ben combinati – si possono aggiungere uvetta, pinoli o una spolverata di scorza di limone grattugiata per dare un tocco in più.

8. Tartufo. Il tartufo è un dessert italiano congelato a forma di cupola, preparato con vari gusti di gelato che vengono scolpiti intorno a diversi ripieni. Sebbene il tartufo originale provenga da Pizzo e combini un ripieno di cioccolato fondente, gelato alla nocciola e polvere di cacao, questo classico è oggi disponibile in diverse versioni moderne che differiscono significativamente dall’originale. Per la sua preparazione si può utilizzare qualsiasi gusto di gelato e, mentre i ripieni possono includere frutta, biscotti o ciliegie al maraschino, le coperture variano da gusci di cioccolato, noci macinate o tritate, briciole di biscotti o cocco essiccato.

9. Parmigiana (Calabria). Questa famosa casseruola di melanzane viene preparata in tutta Italia, ma la versione calabrese è particolarmente ricca e deliziosa. A seconda della regione, la parmigiana è solitamente preparata con strati di fette di melanzane fritte o grigliate condite con salsa di pomodoro al basilico e formaggio locale, ma questa ricetta è arricchita anche da uova sode e salsiccia calabrese, la gustosa salsiccia calabrese aromatizzata con semi di finocchio. La parmigiana alla calabrese è solitamente preparata con provola, mozzarella e pecorino grattugiato, mentre il tocco finale locale è nascosto nella salsa di pomodoro, preparata con olio d’oliva, pomodori e la più apprezzata delle cipolle italiane – la famosa cipolla calabrese di Tropea, segnatela sulla vostra lista di cosa mangiare in Calabria.

Leggi anche: Le 10 spiagge più belle d’Italia

10. Tartufo di Pizzo. Questo classico dessert gelato italiano proviene da Pizzo, in Calabria. Sarebbe stato inventato nel 1952, nella Gelateria Dante, da un gelataio di nome Giuseppe De Maria, meglio conosciuto come Don Pippo. Con le mani modellò una miscela di gelato al cioccolato e alla nocciola intorno a un ripieno di cioccolato fondente fuso, poi lo fece rotolare in un po’ di cacao amaro in polvere. Questo dessert ghiacciato è riconosciuto come prodotto agricolo tradizionale della regione e ha influenzato la creazione di molte varietà moderne che combinano diversi tipi di gelato o aggiunte come mandorle, noci e persino ciliegie al maraschino.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento