alcolici greci

I greci possono essere conosciuti più per il loro ottimo cibo e per le loro abilità nelle danze popolari, e meno per la loro gamma di bevande alcoliche, ma potete stare certi che, come nazione, sanno come bere! La Grecia, una delle civiltà più antiche, ha una ricca storia di produzione e consumo di vino e, sebbene si potrebbe scrivere un saggio sulla pletora di deliziosi vini greci, questo articolo approfondirà alcuni altri alcolici greci che il viaggiatore medio probabilmente non conosce o non sente nominare. Leggete qui di seguito il patrimonio unico e le origini dei principali alcolici greci e brindate alla vostra prossima vacanza in Grecia!

Leggi anche: Cosa mangiare a Corfù, 18 incredibili piatti

1. Ouzo

L’ouzo è l’acquavite più consumata in tutta la Grecia e fu introdotta nel Paese insieme ai rifugiati provenienti dall’Asia Minore. Secondo Robert Botet, che ha scritto un articolo sul Journal of Physics sulla composizione molecolare dell’ouzo, questa sostanza è ricavata dall’olio di anetolo che si trova nelle piante di anice (originarie della regione mediterranea e delle regioni di Cina e Vietnam). Altre bevande conosciute a base di olio di anetolo sono la sambuca in Italia, il raki in Turchia e il pastis in Francia. Ciò che li accomuna all’ouzo è il modo unico in cui la bevanda si diluisce in acqua: l’aggiunta di acqua fa sì che il liquido chiaro si trasformi in un bianco lattiginoso, di colore semi-opaco. Questo liquore è particolarmente popolare in estate e lo si vede spesso accompagnato da meze (tapas) greche come polpo alla griglia, sardine e calamari fritti. Questa classica acquavite greca è usata anche come rimedio casalingo: dato il suo altissimo tasso alcolico, viene usata ancora oggi come antisettico. I greci usano l’ouzo tiepido anche come rimedio per il mal di denti o, in passato, lo spalmavano su muscoli o articolazioni in tensione. Informazioni: Non bere a stomaco vuoto e mescolare sempre con acqua e ghiaccio! È una bevanda subdola che si fa sentire senza che ve ne accorgiate!

2. Tsipouro/Tsikoudia

Tsipouro, tsikoudia e raki sono la stessa acquavite e, a differenza dell’ouzo, sono distillati d’uva. Il grado alcolico dello tsipouro è superiore a quello dell’ouzo e può quindi essere considerato più forte, ma si dice che l’ouzo provochi postumi peggiori! Si ritiene che lo tsipouro abbia avuto origine nel XIV secolo sul Monte Athos, prima di diffondersi nel resto della Grecia e in Macedonia. Lo tsipouro può contenere anche anice, che lo rende più dolce, e si trova più comunemente nel nord della Grecia. Questo liquore viene solitamente bevuto liscio e non diluito in acqua o ghiaccio, ma sempre accompagnato da molti mezedes! Se venite in Grecia, assicuratevi di visitare un autentico tsipouradiko (ovvero i piccoli ristoranti che servono tsipouro e piatti meze ). I migliori si trovano a Volos, dove è possibile ordinare una bottiglia di tsipouro da 200 ml e ricevere in omaggio un piatto di mezedes da leccarsi i baffi.

3. Tentura

La Tentura è un liquore che ha origine nella città greca di Patrasso, situata nella parte orientale del Peloponneso, nel XV secolo ed è prodotto esclusivamente in Grecia. Questo liquore di erbe e spezie è tipicamente ricco di cannella e chiodi di garofano, noce moscata e agrumi – spezie che venivano commercializzate nel porto di Patrasso – oltre che di alcol e zucchero. La Tentura viene tipicamente servita in piccoli bicchieri da shot con ghiaccio o in cocktail, e di solito dopo un pasto, in quanto può essere utilizzata come bevanda digestiva.

Leggi anche: Cosa mangiare a Santorini

4. Liquore al kumquat di Corfù

L’isola più nord-occidentale della Grecia, Corfù, ospita l’albero del kumquat dal 1924. La traduzione letterale di Kumquat dal cinese è “arancia dorata”, che è esattamente l’aspetto del frutto. È un agrume dal sapore amaro che non può essere mangiato crudo, ma il liquore che se ne ricava è deliziosamente dolce e spesso viene descritto come la versione greca del limoncello. La distilleria Mavromatis, a conduzione familiare, è forse il produttore di liquore più noto dell’isola e dimostra i molteplici modi in cui questo particolare frutto può essere consumato.

5. Mastiha di Chios

Un altro dei liquori più famosi della Grecia è il mastice di Chios. Questo prodotto DOP è un liquore aromatizzato ottenuto dall’olio prodotto dall’albero di lentisco, originario dell ‘isola di Chios, nell’Egeo nord-orientale. Il lentisco è il segreto commerciale dell’isola e la sua coltivazione risale a tempi antichissimi. Gli alberi di mastice crescono in tutto il mondo, ma Chios è l’unico posto in cui gli alberi producono resine dalla loro corteccia, che è ciò che crea il sapore caratteristico. Il prodotto aveva un tale peso economico che l’isola era spesso vittima di conquistatori e invasioni di pirati. Oggi, oltre il 90% del mastice prodotto viene esportato in varie forme: gomme da masticare, spezie, dolci e, naturalmente, il delizioso liquore che non si può perdere quando si visita la Grecia!

6. Kitro di Naxos

Nell’ isola cicladica di Naxos, il cedro produce foglie di cedro da cui si ricava l’esclusivo liquore Kitro. Secondo il sito della Federazione Greca dei Produttori di Acquavite, si tratta del più secco e forte di tutti i liquori greci, con 36% vol. Nonostante l’elevata gradazione alcolica, il Kitro di Naxos è particolarmente dolce e aromatico, il che lo rende uno dei preferiti anche da chi non ama i distillati forti. Si tratta di un altro prodotto DOP, prodotto in tre versioni principali: bianca (la più forte), verde e gialla, che le rendono molto particolari. La distilleria Vallindras si trova nel villaggio di Chalki ed è aperta al pubblico: un’occasione imperdibile per visitare questa splendida isola!

Metaxa è un whisky?

No, non lo è. È cognac? No, perché il cognac proviene esclusivamente dalla provincia francese di Cognac. È un brandy? Non esattamente. La “Metaxa” è una ricetta presa segretamente in prestito dai distillatori francesi, ma che utilizza ingredienti completamente greci. Il suo ispiratore e proprietario dell’azienda, Spyros Metaxas, alla fine del XIX secolo cercava il segreto del piacere in una bevanda alcolica. Un gusto morbido e pieno che non era facile trovare in bevande il cui scopo era quello di intontire. I famosi vigneti di Samos danno il dolce Moschato e conferiscono una nota morbida alla “Metaxa”. I distillatori francesi usavano lo zucchero per questo scopo, ma Spyros Metaxas ha immaginato un’unione unica. Insieme al distillato di vino, che è la base di ogni bevanda forte, ha inserito il famoso Moscato dolce di Samos e ha lasciato che il tempo e le buone botti di legno facessero il resto del lavoro. Anni di test, perseveranza e amore per il prodotto hanno fatto sì che la bevanda greca abbia fan da tutto il mondo. Dei circa 10 milioni di bottiglie prodotte esclusivamente nel nostro Paese e negli stabilimenti dell’azienda, quasi l’85% viene esportato all’estero.

Qual è la bevanda nazionale della Grecia?

L’ouzo è una bevanda alcolica all’anice prodotta esclusivamente in Grecia. Grazie ai suoi oli essenziali di anice, anice e semi di finocchio, crea una piacevole sensazione di refrigerio in grado di placare anche la più calda estate greca.

Che cos’è il raki greco?

Il raki è un distillato prodotto dalle vinacce o dall’uva cretese. Il raki cretese è una bevanda diversa dal raki turco, poiché quest’ultimo è simile all’ouzo, cioè ha l’anice e la doppia distillazione, mentre la tsikoudia non lo fa. Oltre a essere gradevole, il raki è anche estremamente puro, poiché non contiene coloranti né alcoli industriali. Inoltre, ha proprietà ansiolitiche e rilassanti che deliziano il nostro cuore e la nostra mente. Lo tsikoudia caldo, anche se mescolato con miele e cannella, aiuta a riscaldarsi, mentre quello ghiacciato aiuta a raffreddarsi.

Qual è la migliore birra greca?

La Grecia ha un’industria della birra piuttosto consistente, con molte birre locali che hanno conquistato i cuori degli amanti della birra di tutto il mondo. Alcuni dei marchi più famosi sono Fix, Mythos, Bios, Blue Island, Nisos e Vergina. Una delle preferite è la birra di Alfa, ma è tutta una questione di preferenze. Non c’è dubbio che tra le varietà locali ne troverete una che vi piace, quindi non scoraggiatevi: provatene quante più possibile!

Come si prepara lo tsipouro greco?

Una buona uva è una condizione fondamentale per la produzione di tsipouro di qualità. Anche la fermentazione delle vinacce è una fase importante che riguarda il gusto e le caratteristiche aromatiche durante il processo di produzione dello tsipouro, per cui sono necessarie condizioni controllate. La distillazione delle vinacce per la produzione di tsipouro è un processo complesso che, per avere un risultato di qualità, richiede conoscenza, esperienza e moderne attrezzature tecnologiche. Le frazioni di distillazione si dividono in teste, cuori e code. Le teste hanno un elevato contenuto alcolico e contengono composti dal gusto pungente e dall’aroma aggressivo, mentre le code sono alcoli superiori con aroma e gusto pesanti. Le teste e le code vengono rimosse e reintrodotte nel distillatore insieme al lotto successivo, mentre il cuore, la parte più pregiata della distillazione dopo la diluizione, la maturazione e la filtrazione, viene portato all’imbottigliamento.

Alcune acquaviti, dopo la selezione, possono essere invecchiate per anni in botti di rovere e, a seconda dello tsipouro e delle condizioni di invecchiamento, acquisiscono caratteristiche di spezie, frutta secca, vaniglia, cioccolato, tabacco, cuoio, botte, ecc. Lo tsipouro che non è stato conservato in una botte di rovere ha un gusto prevalentemente fruttato e floreale ed è meno speziato. In alcune zone della Grecia, oltre alle vinacce, vengono aggiunti al distillatore semi o piante aromatiche (anice, finocchio, croco, foglie di noce, ecc.), in quantità e proporzioni che di solito sono un segreto ben custodito da ciascun produttore.

Che cos’è la grappa greca?

La grappa greca si chiama Tsipouro, un autentico prodotto greco indissolubilmente legato allo stile di vita, all’ospitalità e al divertimento dei greci. È il distillato di vinaccia. La sua produzione inizia con la selezione delle varietà di uva, prosegue con l’accurata fermentazione delle vinacce (le bucce che rimangono dopo la pigiatura dell’uva e l’estrazione del mosto per la produzione del vino) e termina con la loro lenta distillazione.

Il raki è la stessa cosa dell’ouzo?

Assolutamente no! La somiglianza tra i prodotti deriva dalla torbidità che appare quando si diluiscono le due bevande con acqua e ghiaccio. Inoltre, hanno un sapore simile, poiché entrambe contengono anice. Tuttavia, si tratta di due prodotti completamente diversi. La differenza principale tra lo tsipouro e l’ouzo è che lo tsipouro ha come materia prima i resti della vinificazione, cioè gli spiedini, le bucce, le bucce dell’uva che vengono fatte fermentare a basse temperature e conferiscono gli aromi e le caratteristiche particolari dell’uva. mentre è possibile aggiungere leggeri aromi di frutta o di erbe aromatiche mentre la distillazione può essere fatta 1-2 o anche 3 volte, a seconda della natura del distillato. L’ouzo, invece, è una miscela di alcol puro di origine agricola con un’ampia varietà di aromi, spezie, frutta, noci o piante.

L’alcol di origine agricola è solitamente prodotto dalle distillerie e ottenuto dalla distillazione dopo la fermentazione alcolica di prodotti agricoli zuccherini e amidacei. Come materia prima vengono utilizzati diversi dolcificanti, come melassa, locuste, fichi, prugne e vino, da cui si ottiene per distillazione frazionata. Questo alcol puro viene poi utilizzato per produrre l’ouzo. L’ouzo, a differenza dello tsipouro, è solitamente costituito solo da una piccola percentuale di distillato d’uva. Prodotto da distillatori riconosciuti e controllati con alcol puro 96% vol di origine agricola e anice o anetolo puro. La percentuale alcolica dello tsipouro è solitamente superiore a quella dell’ouzo, quindi lo tsipouro può essere considerato una bevanda più “forte”.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento