Le migliori cose da fare a Venezia

cose da fare a Venezia

Le migliori cose da fare a Venezia

Ci sono molte cose da fare a Venezia, indipendentemente dai vostri interessi. Se siete appassionati di arte e cultura, potete visitare uno dei tanti musei o gallerie d’arte della città. Per chi ama lo shopping, ci sono molti negozi e boutique di alto livello da visitare. E se siete alla ricerca di un po’ di emozioni, potete dare un’occhiata ai locali notturni e ai bar della città. Non importa cosa stiate cercando, troverete sicuramente tante cose da fare a Venezia. Uscite quindi ed esplorate tutto ciò che questa straordinaria città ha da offrire! Mi sono innamorato di Venezia da studente, quando ci ho vissuto per tre mesi. La nostra casa era una pensione a Santa Croce; la nostra camera da letto si affacciava sul Canal Grande e io mi addormentavo al suono ritmico dell’acqua che sbatteva contro la vecchia pietra e mi svegliavo al gutturale scroscio dei vaporetti di passaggio. Da allora quella pensione è diventata un elegante boutique hotel e Venezia oggi attrae più turisti di quanti sembra possibile contenerne – ma ancora torno al suo fascino e ancora sento che potrei camminare per i suoi sestieri con gli occhi bendati senza perdermi.


In quei giorni di studio abbiamo vissuto un tipico inverno veneziano: amaro, umido e impronunciabilmente bello, soprattutto quando la nebbia offuscava il paesaggio urbano di campanili e camini accatastati, di palazzi e chiese a cupola. Nei nostri seminari in quelle chiese umide ci arrampicavamo intorno a candele accese per scaldarci le dita. Inevitabilmente, una vecchia strega gridava giuramenti. Mangiavamo a buon mercato all’università e curiosavamo negli archivi della biblioteca della Fondazione Giorgio Cini. Quando arrivò la primavera, con il suo flusso di turisti, provammo un profondo e possessivo risentimento. Anni dopo ho trascorso un’estate a Cannaregio. Io e la mia ragazza vivevamo gratis in affitto, in cambio dell’annaffiatura delle piante di casa. Solo una violetta africana morì, e non passò inosservata. Facemmo la spesa al mercato del pesce e comprammo i gamberi per un picnic sull’isola cimiteriale di San Michele. Dopo mesi di permanenza in questa immutabile città d’acqua, le nostre gambe diventavano gelatina sulla terraferma e il traffico ci terrorizzava.

Venezia è tutta una questione di sensazioni: è un luogo dove chiudere gli occhi e assorbire i suoni dell’acqua del canale che bagna il marmo antico; l’eco delle voci che rimbalzano in una calle; un soprano che si esercita con le scale in una stanza sopra il Teatro La Fenice. Soprattutto, è un luogo in cui camminare senza preoccuparsi di perdersi. È probabile che abbiate lasciato la folla e scoperto una parte segreta della vera Venezia. Questo elenco di cose da fare a Venezia vi aiuterà a non perdere nulla di questa magica città che riunisce tutto ciò che un viaggiatore può sognare a livello naturale, oltre a un incredibile mix che combina un’infinita offerta di svago e visite culturali. In questa guida sulle cose da vedere a Venezia condivideremo un itinerario dettagliato, che si concentra sui punti di riferimento più importanti e sulle attrazioni più importanti da non perdere.

Cosa visitare a Venezia

Nella nostra sezione dei migliori posti da vedere a Venezia, parleremo dei principali monumenti, musei e gallerie della città, dei parchi dove rilassarsi, di tutto ciò che secondo noi sono luoghi da non perdere durante la vostra visita in questa città ricca di storia. Se siete alla ricerca di una fuga dal caos e dalla frenesia della vita quotidiana, allora dovete recarvi a Venezia. Questa splendida città ospita alcuni dei paesaggi più belli del pianeta, vediamo cosa vedere a Venezia. A forma di chiocciola, Venezia è divisa in sei sestieri, con il Canal Grande che la attraversa al centro. Ognuno di essi ha un carattere particolare e più ci si allontana dalla Basilica di San Marco, più si scopre il senso della Venezia autentica. Detto questo, non si può visitare la città senza vedere alcune delle sue attrazioni principali, e per San Marco il mio consiglio è di alzarsi molto presto e puntare a una delle Messe mattutine, che iniziano alle 7 del mattino. In questo modo vi perderete il peggio della folla, vivrete la basilica come deve essere vissuta (ammirate l’abbagliante cupola a mosaico d’oro) e uscirete prima del picco di invasione.

Godetevi la vista di quella che dovrebbe essere ancora una Piazza San Marco piuttosto vuota e squisitamente riecheggiante; non fate la fila per scalare il campanile (ci sono campanili altrettanto validi per il panorama della città) e, a meno che non vogliate attardarvi in una successione di cabine ornamentali, limitate l’ammirazione del Palazzo Ducale ai trafori in pizzo del suo esterno gotico. Invece, infilatevi sotto l’ornata Torre dell’Orologio. Se siete in orario, potrete vedere le figure in bronzo dei Mori che emergono per battere l’ora. Percorrete le strade piene di negozi fino a raggiungere il Ponte di Rialto, che si vede meglio dalla terrazza sul tetto dei nuovi grandi magazzini nel Fondaco dei Tedeschi. Da qui si gode di una splendida vista a destra e a sinistra del Canal Grande.

In seguito, passeggiate per il Sestiere San Polo, fermandovi ad assaporare gli odori e i suoni del mercato del pesce. Qui, premiatevi con un cicchetto di gamberi e un’ombra da Al Merca, uno dei più piccoli bacari di Venezia, come vengono chiamate queste enoteche locali senza pretese. Quindi, dirigetevi verso la Galleria dell’Accademia, passando per i punti salienti di San Polo. Continuate a girare a sinistra per godere di splendide viste sul Canal Grande (alcuni dei migliori palazzi si affacciano su questo tratto), quindi fermatevi per un caffè nel grazioso Campo San Polo prima di fermarvi alla Chiesa di Santa Maria Gloriosa dei Frari. L’esterno in mattoni rossi di questa enorme chiesa gotica nasconde i suoi tesori all’interno: opere di Donatello, Sansovino, Bellini e soprattutto, sull’altare maggiore, lo splendido dipinto di Tiziano Assunzione della Vergine (sempre che sia tornato dal restauro), oltre alla sua più tranquilla ma non meno impressionante pala della Madonna di Pesaro nella navata sinistra.

Se tutto ciò vi ha messo in uno stato d’animo culturale, siete a pochi minuti dalla Galleria dell’Accademia (prenotate online in anticipo), ricca di antichi maestri. Preferite l’arte moderna? Dirigetevi verso l’elegante casa bianca di Peggy Guggenheim a Dorsoduro; è piena di opere di Jackson Pollock, Matisse, Picasso e altri. Il suo giardino affacciato sul canale (fate attenzione alle tombe dei suoi cani) è un bel posto per riprendere fiato. Poi perdetevi a Dorsoduro, uno dei miei sestieri preferiti. Percorrete un tranquillo labirinto di piccoli campi, giardini nascosti e osterie (come le trattorie, ma meno formali) fino a raggiungere l’emblema barocco di Venezia, Santa Maria della Salute. Le cose da fare a Venezia sono così tante che può essere difficile decidere. Tuttavia, con un po’ di pianificazione e di creatività, potete rendere la vostra visita un giorno da ricordare. Possiamo partire con l’articolo su cosa fare a Venezia. Per decidere quale itinerario seguire, ecco i 2e e + migliori luoghi da visitare a Venezia. I 10 musei più importanti di Venezia


Luoghi da visitare a Venezia

Come destinazione turistica, Venezia ha davvero molto da offrire e la sua combinazione di attrazioni storiche e naturali vi intratterrà per giorni e giorni. Allora, vediamo a Venezia cosa vedere. Di seguito una selezione degli edifici più imponenti da vedere sul Canal Grande. Per vedere entrambe le sponde contemporaneamente, assicurati di sederti davanti o dietro al vaporetto; e non perdere l’esperienza di un giro notturno in barca. Prenota un giro privato in gondola per un’esperienza migliore. Carnevale di Venezia. Date e programma degli eventi

1. Ponte Calatrava. La caratteristica più recente del paesaggio urbano di Venezia è ufficialmente nota come Ponte della Costituzione, ma i veneziani generalmente usano il nome del suo progettista, Santiago Calatrava. L’elegante arco di acciaio, pietra e vetro è modellato sullo scafo di una gondola.

2. Ponte degli Scalzi. Il successore di una struttura in ferro costruita dagli austriaci nel 1858-60, che dovette essere sostituita all’inizio degli anni ’30 per dare sufficiente spazio libero ai nuovi battelli a vapore.

3. Fondaco dei Turchi. Casa privata dall’inizio del XIII secolo fino al 1621, il Fondaco dei Turchi fu poi ceduto a commercianti turchi, che vi rimasero fino al 1838. Benché restaurati eccessivamente, le torri e il porticato dell’edificio danno un’immagine ragionevolmente precisa di ciò che un Veneto-bizantino palazzo sarebbe sembrato. Ora è il museo di storia naturale.

4. Palazzo Vendramin-Calergi. Iniziato da Mauro Codussi alla fine del XV secolo, questo è stato il primo palazzo veneziano costruito su linee rinascimentali. L’abitante più famoso del palazzo fu Richard Wagner, che morì qui nel febbraio 1883. Ora è un casinò.

5. Ca ‘Pésaro. La folta decorazione di Ca ‘Pésaro, irta di punte a forma di diamante e teste grottesche, impiegò mezzo secolo per essere costruita: i lavori terminarono nel 1703, molto tempo dopo la morte dell’architetto Baldassare Longhena.


6. Uno dei posti da vedere a Venezia è Palazzo Corner della Regina. Questo palazzo fu costruito nel 1724 sul sito della casa di Caterina Cornaro, regina di Cipro, da cui il palazzo prende il nome.

7. Ca ‘d’Oro. Incorporando frammenti di un palazzo duecentesco che un tempo sorgeva sul sito, la splendida Ca ‘d’Oro fu costruita negli anni ’20 e ’30 e ha acquisito il suo soprannome – “La casa d’oro” – dalla doratura che ne accentuava l’intaglio .

8. Ca ‘da Mosto. Gli archi del primo piano della Ca ‘da Mosto e i pannelli scolpiti sopra di essi sono i resti di un edificio veneto-bizantino del XIII secolo, e sono quindi tra le strutture più antiche del canale.

9. Mercato di Rialto. Una delle cose da fare a Venezia è visitare il mercato di Rialto, oggi potrebbe essere molto più docile di quello di Venezia al suo apice, ma è ancora uno dei luoghi più vivaci della città e uno dei pochi posti in cui è possibile stare in mezzo alla folla e ascoltare solo l’italiano. C’è un branco di venditori di cimeli presso la chiesa e lungo la Ruga degli Orefici; il mercato vero e proprio si trova tra loro e il Canal Grande – principalmente bancarelle di frutta intorno a Campo San Giacomo e bancarelle di ortaggi e macellerie mentre si attraversa Campo Battisti, dopo di che si arriva al mercato del pesce, che ora è minacciato di chiusura a causa della diminuzione della popolazione della città.

10. Fondaco dei Tedeschi. Il fondaco era un tempo quartier generale dei mercanti tedeschi della città, che già nel 1228 affittavano qui un edificio. Nel 1505 il Fondaco bruciò; Giorgione e Tiziano furono incaricati di dipingere l’esterno della sua sostituzione. I resti del loro contributo sono ora alla Ca ‘d’Oro.

11. Tra le cose da fare a Venezia non possiamo non parlare del Ponte di Rialto. Il famoso Ponte di Rialto, il collegamento perennemente affollato tra San Marco e San Polo sostituirono una successione di strutture in legno: uno dei Miracoli della Vera Croce di Carpaccio, all’Accademia, mostra l’aspetto di uno dei vecchi ponti levatoi. La decisione di costruire un ponte in pietra fu presa nel 1524, e il lavoro fu assegnato al nome appropriato Antonio da Ponte, il cui progetto pesante è stato descritto da Edward Gibbon come “un bel ponte, rovinato da due file di case su di esso” . Fino al 1854, quando fu costruito il primo Ponte dell’Accademia, questo era l’unico punto in cui si poteva attraversare a piedi il Canal Grande.


12. Palazzo Loredan e Palazzo Farsetti. Questi palazzi vicini sono palazzi veneto-bizantini del XIII secolo pesantemente restaurati; ora il municipio.

13. Palazzo Grimani. I lavori per l’immenso Palazzo Grimani iniziarono nel 1559, su progetto del Sanmicheli, ma furono completati solo nel 1575, sedici anni dopo la sua morte.

14. I palazzi Mocenigo. Quattro case un tempo appartenute alla famiglia Mocenigo si trovano una accanto all’altra sulla curva più acuta del Canal Grande: il Palazzo Mocenigo-Nero, un edificio di fine Cinquecento, un tempo dimora di Byron; il doppio Palazzo Mocenigo, costruito nel Settecento; e il Palazzo Mocenigo Vecchio, un palazzo gotico rimaneggiato nel XVII secolo.

15. Ca ‘Fóscari. Ca ‘Fóscari, la più grande casa privata di Venezia all’epoca della sua costruzione (1435 circa), era l’abitazione del Doge Francesco Fóscari, il cui mandato straordinariamente lungo (34 anni) terminò con le sue dimissioni forzate.

16. I Palazzi Giustinian. Questi palazzi gemellati furono costruiti a metà del XV secolo per due fratelli che volevano case annesse ma autonome.

17. Ca ‘Rezzonico. A venezia cosa vedere? Ma non può mancare la gigantesca Ca ‘Rezzonico di Longhena che fu iniziata nel 1667 su commissione della famiglia Bon, ma furono costretti a vendere il palazzo ancora incompiuto ai Rezzonico, una famiglia di banchieri genovesi stupendamente ricchi. Tra i suoi successivi proprietari c’era Pen Browning, il cui padre Robert morì qui nel 1889.

18. Tra le cose da vedere a Venezia non può mancare Palazzo Grassi. Questo vasto palazzo fu costruito nel 1748-72 da Massari e fu l’ultima grande casa ad essere innalzata sul Canal Grande.

19. Ponte dell’Accademia. Poiché i vaporetti più grandi non potevano passare sotto il ponte in ferro dell’Accademia costruito dagli austriaci nel 1854, fu sostituito nel 1932 da una struttura in legno, successivamente rinforzata con acciaio.

20. Palazzo Venier dei Leoni. Nel 1759 la famiglia Venier, una delle dinastie più ricche di Venezia, iniziò a ricostruire la loro casa, ma questo palazzo, che sarebbe stato il più grande palazzo sul canale, non avanzò mai oltre il primo piano. Il moncone dell’edificio è occupato dalla Collezione Guggenheim .

21. Palazzo Dario. Questo delizioso palazzetto fu costruito alla fine del 1480 ei marmi multicolori della facciata sono caratteristici del lavoro della famiglia Lombardo.

22. Palazzo Corner della Ca ‘Grande. Il palazzo che sorgeva qui è stato distrutto quando un fuoco acceso per asciugare una scorta di zucchero è andato fuori controllo. Il progetto di Sansovino – costruito a partire dal 1545 – è notevole per la sua robusta muratura in pietra del piano inferiore, che lo rende il prototipo per Ca ‘Pésaro e Ca’ Rezzonico.

Quando Venezia sembra sul punto di esaurirsi, dirigetevi verso l’isola di Sant’Elena. Si tratta di un quartiere molto locale, facilmente raggiungibile a piedi da Piazza San Marco; durante il tragitto, potete sdraiarvi sotto gli alberi degli incantevoli Giardini Pubblici per riprendere fiato. In tempi normali questi giardini sono sede del festival artistico della Biennale di Venezia, ma anche in questo caso Sant’Elena riesce a mantenere la sua autenticità. Passeggiate per le calli dietro i giardini, tramate di panni stesi e rumorose di bambini che giocano. Fermatevi a guardare l’isola di San Pietro di Castello, collegata al ponte, e poi fate un giro all’Arsenale. I ponti più famosi di Venezia

Avete tempo per un’altra chiesa? Assicuratevi che sia Santa Maria dei Miracoli, un piccolo gioiello di marmo progettato da Pietro Lombardo. Ogni parte di questo spazio sacro è ornata da marmi monocromi e intagli di mostri marini, cherubini e piante. Siete scoraggiati dalle code per il campanile di San Marco? Prendete il vaporetto per San Giorgio Maggiore e trascorrete un po’ di tempo nella rasserenante Chiesa di San Giorgio Maggiore (uno degli edifici più belli di Andrea Palladio e sede di alcuni grandi Tintoretto) prima di salire sul suo campanile. È alto quasi quanto quello di Piazza San Marco e la vista su Venezia e sulla laguna è indescrivibilmente bella.

Se avete tempo per un solo museo, scegliete il Museo Correr. È il museo di Venezia e come tale offre una perfetta introduzione alla colorata storia della Serenissima. Lasciatevi un po’ di tempo per le monete, gli stendardi e i costumi e non perdetevi l’equivalente rinascimentale delle Jimmy Choo: i fantasiosi tacchi alti indossati dalle cortigiane durante l’acqua alta (inondazioni causate dall’alta marea). Come visitare il Campanile di San Marco a Venezia

Cosa mangiare a Venezia

Certo, Venezia è ricca di locali raffinati, ma è altrettanto facile mangiare male in alcune trattorie a rischio turistico e pagare un occhio della testa. Optate invece per ristoranti collaudati e affidabili che possono essere difficili da trovare, ma lo sforzo sarà ripagato. Mi riferisco a Corte Sconta, vicino all’Arsenale (la storica centrale marittima di Venezia): un piccolo ristorante di pesce con un delizioso cortile coperto di viti, dove gli antipasti includono gamberi di fiume e granseola. I suoi budini sono da urlo, soprattutto lo zabaione. Allo stesso modo, la Locanda Montin a Dorsoduro sembra non sbagliare mai un colpo. La sala da pranzo è un tripudio di dipinti e schizzi di artisti locali e sul retro c’è un’enorme terrazza coperta di viti. Quando ceno qui scelgo sempre due specialità veneziane: gli spaghetti al nero di seppia, in cui il nero dell’inchiostro delle seppie aggiunge una delizia particolare, da far impastare la bocca, e il fegato alla veneziana con polenta – fegato di vitello a fette fritto al momento, con cipolle stufate e un bel po’ di polenta gialla. Assolutamente delizioso, soprattutto in una serata umida fuori stagione.

Le Antiche Carampane, un’istituzione a conduzione familiare, sono notoriamente difficili da trovare (fermata del vaporetto San Silvestro) ma sono un’ottima scelta per i fantastici frutti di mare locali; oppure recatevi a Cannaregio e scegliete una delle osterie emergenti che propongono rivisitazioni intelligenti della cucina veneziana. Per un buon pranzo, Venezia offre una linea raffinata di cicchetti: dai tramezzini rigonfi (mezzi panini ripieni di maionese e gamberetti, pollo, prosciutto o formaggio) e pesce fritto in un involucro di carta agli arancini ripieni con un centro di formaggio fondente.

Il giro dei bar è d’obbligo, e non sarete mai lontani da un’enoteca (un negozio che offre vino al bicchiere) o da un bacaro. I veneziani bevono un’ombra con la stessa rapidità con cui bevono un espresso. Alcune sono ruvide, altre piuttosto gradevoli: a fine serata non noterete più la differenza. In alternativa, in questi campi gloriosi ci sono molti bar dove potete acquistare un costoso Aperol spritz e osservare la gente a vostro piacimento. Campo San Polo e Campo Santo Stefano sono ottime location. Infine c’è l’Harry’s Bar, dove Ernest Hemingway veniva a smaltire i postumi della sbornia; non è praticamente cambiato dalla sua apertura nel 1931. È possibile cenare al piano superiore, ma è estremamente costoso: meglio venire qui per un bellini (succo di pesca e spumante) e uno dei suoi toast al prosciutto e formaggio. Li sogno quando mi sento particolarmente affamata. Cosa mangiare a Venezia, dieci specialità veneziane

Venezia cosa vedere, conclusione

La valuta è l’euro. Venezia è una città sicura, adatta a tutte le stagioni e altamente percorribile a piedi. Se vi perdete, guardate in alto: i cartelli agli angoli delle strade indicano le indicazioni per Piazza San Marco e il Ponte di Rialto. In alternativa, prenotate un abbonamento al vaporetto per accedere facilmente a tutte le zone. I taxi d’acqua sono comodissimi ma molto costosi. Non siete convinti dei giri in gondola? Sì, sono costose, ma per soli 2 euro potete attraversare il Canal Grande su uno dei traghetti, che possono trasportare fino a dieci passeggeri (provate la traversata tra Palazzo Gritti e Santa Maria Maggiore). Il trucco è rimanere in piedi per il breve e traballante tragitto. Viaggiate in ottobre o novembre? L’acqua alta può essere presente, ma l’accessibilità è garantita da passerelle temporanee in legno. Prenotate con largo anticipo se volete vivere le due settimane del Carnevale (da febbraio a marzo).

Lascia un commento