Il viaggio di Natale: da Nazareth all’Egitto

By | Dicembre 19, 2020
Il viaggio di Natale

Nel periodo che precede il Natale, abbiamo deciso di adottare un approccio festivo per il viaggio e utilizzare la storia della Natività come punto di partenza per pianificare un viaggio. Dopotutto, la storia ha una notevole rilevanza per i viaggiatori: chi di noi non è arrivato in una città sconosciuta, a tarda notte, senza aver prenotato un posto dove stare? 

Quella sensazione di naufragio mentre arranchiamo da un hotel all’altro, alla ricerca di una stanza disponibile, è forse la parte più immediatamente riconoscibile della storia di Natale. Ma prima di ritrovarci a dormire in una stalla, diamo uno sguardo ai luoghi citati dai Vangeli di Luca e Matteo …

Roma, Italia

Cominciamo con alcune scene di scena a Roma, dove l’imperatore romano Cesare Augusto era desideroso di istituire riforme fiscali, per le quali doveva prima effettuare un censimento. Augusto fu il primo imperatore di Roma e modificò drasticamente la città con grandiosi progetti di costruzione. Molte delle commissioni di Augusto sono andate perse nel tempo, ma la portata della sua ambizione può essere vista nel suo Mausoleo, che dovrebbe riaprire al pubblico nel prossimo futuro.

Nonostante la sua affermazione di aver ereditato Roma come “una città di mattoni e di averla lasciata di marmo”, è del tutto possibile che la decisione di Augusto di ordinare un censimento della popolazione a fini fiscali sia diventata la sua eredità storicamente più significativa.

Il viaggio di Natale: da Nazareth all'Egitto

Nazareth, Israele

Nelle province dell’impero di Augusto c’era Nazaret, che ai tempi biblici era molto probabilmente un piccolo villaggio, dimora di Maria e Giuseppe. Secondo il vangelo di Luca, fu qui che Maria fu visitata dall’angelo Gabriele e le fu informato che avrebbe avuto un figlio, che sarebbe stato il figlio di Dio. Si pensa anche che, in seguito ai drammatici eventi della sua nascita, Gesù abbia trascorso qui la sua infanzia.

Oggi, Nazareth è una delle più grandi città d’Israele e un importante centro di pellegrinaggi cristiani: la Basilica dell’Annunciazione, una delle più grandi chiese del Medio Oriente, si trova nel punto in cui la tradizione vuole che Gabriele abbia visitato Maria. La città ospita molte altre chiese, tutte situate in posizioni biblicamente importanti, e vale anche la pena semplicemente vagare per le strette vie del centro storico incontaminato. Una volta terminata l’esplorazione, recati in uno dei tanti ristoranti della città per assaggiare l’eccellente cucina fusion per la quale Nazareth sta diventando famosa: i piatti si ispirano alla cucina marocchina, libanese e italiana, nonché ai sapori arabi locali.

Betlemme, Palestina

Giuseppe, in quanto discendente della casa di Davide, dovette recarsi nella città di Betlemme per essere incluso nel censimento di Augusto. Lui e l’ormai gravissima Mary fecero il viaggio di 160 chilometri, solo per scoprire all’arrivo che non c’erano posti disponibili per loro dove stare. La tradizione vuole che trovassero alloggio in una stalla, e lì Gesù nacque e fu deposto in una mangiatoia.

Come Nazareth, Betlemme è ancora un luogo di pellegrinaggio estremamente importante, in particolare la Chiesa della Natività, costruita sul luogo della nascita. Pensata per essere una delle chiese più antiche del mondo, l’attuale struttura risale alla metà del VI secolo, anche se è stata modificata più volte nel corso degli anni. Altrove in città, troverai una serie di altri siti storicamente e biblicamente significativi, oltre a un discreto numero di opere d’arte dell’elusivo artista Banksy.

Yazd, Iran

I pastori delle colline circostanti hanno visitato il bambino Gesù nella mangiatoia, e il neonato ha ricevuto anche visitatori dall’altra parte dello spettro sociale: i Magi, o Tre Re Magi, che hanno viaggiato dal lontano oriente, per rendere omaggio. Si pensa che i Magi fossero praticanti dello zoroastrismo, un’antica religione che sottolinea l’importanza di un approccio etico alla vita e che assegna un alto significato rituale all’acqua e al fuoco.

Non sappiamo esattamente da dove provenissero i Magi che hanno visitato Gesù, ma la storia racconta che hanno percorso una distanza considerevole per raggiungerlo. Yazd, una città nel cuore dell’Iran, è oggi uno dei maggiori centri sopravvissuti dello zoroastrismo, quindi sembra appropriato per il nostro tour della Natività fare un viaggio qui. Al Tempio Zoroastriano, vedrai il sacro fuoco che si pensa sia stato tenuto acceso per più di 1500 anni, mentre alla periferia della città, le Torri del Silenzio che sorgono su due piccole colline erano precedentemente utilizzate per esporre i cadaveri agli elementi, impedendo così loro di corrompere la terra sacra.

Mentre sei a Yazd, vale anche la pena dare un’occhiata alla Moschea Jameh squisitamente decorata e al maestoso Complesso Amir Chakhmaq – e non dimenticare di provare alcuni dei dolci locali! Yazd è famosa per la ristorazione dei più golosi: la torta Yazdi, a base di cardamomo e acqua di rose, è particolarmente gustosa.

Gerusalemme, Israele / Palestina

E ora è il momento per la parte sinistra della storia… mentre si recavano a visitare Gesù, i Magi passarono per Gerusalemme, dove Erode era re. Temendo un rivale, Erode non fu contento di sentire della nascita di un bambino pensato per essere il Figlio di Dio, ma nascose i suoi pensieri e chiese ai Magi di tornare ad informarlo una volta trovato Gesù. Fortunatamente, i Magi furono avvertiti delle intenzioni di Erode da un angelo e tornarono a casa senza tornare a Gerusalemme.

Erode è una figura storica generalmente insultata – sebbene il suo regno abbia avuto generalmente successo, si pensa che fosse un tiranno paranoico, che impoverì il suo popolo attraverso grandiosi progetti di costruzione. Molti dei suoi progetti sono sopravvissuti fino ai giorni nostri e la sua eredità architettonica può essere vista sul Monte del Tempio di Gerusalemme, incluso il famoso Muro del Pianto, e in numerosi altri siti in tutta la città.

Coloro che cercano ulteriori esempi dei progetti di costruzione di Erode potrebbero visitare le rovine del suo palazzo nel sito di Herodium appena fuori Betlemme, o i resti della sua principale città portuale, Cesarea Marittima. Si pensa che anche la famosa fortezza di Masada sia stata almeno in parte opera di Erode.

Cairo, Egitto

Il Vangelo di Matteo riporta che Erode, non ricevendo alcuna notizia di Gesù dai Magi, fece un ulteriore passo avanti e ordinò che tutti i bambini maschi di due anni o più giovani fossero uccisi – un atto di incerta accuratezza storica ora noto come il massacro degli innocenti. Fortunatamente per Gesù, un angelo avvertì suo padre Giuseppe in sogno e consigliò alla famiglia di fuggire in Egitto e tornare solo dopo la morte di Erode.

Quindi l’ultima tappa del nostro tour della Natività è il Cairo, più precisamente la Chiesa di Abu Serga, che si pensa sia stata costruita nel luogo in cui la famiglia si riposò dopo il loro arrivo in Egitto. La chiesa risale al IV secolo ed è estremamente importante per la tradizione cristiana copta, essendo il luogo dell’elezione di molti patriarchi copti. Si trova in una parte della città conosciuta come Il Cairo copto, un’area che ospita molte altre chiese significative e la fortezza di Babilonia a strisce rosse e bianche di epoca romana.

Mentre sei in città, potresti voler dare un’occhiata alle Piramidi di Giza: sarebbe un peccato perdere una delle sette meraviglie del mondo, dopotutto. Il Cairo ospita anche innumerevoli moschee, bazar e musei, con il nuovo Grand Egyptian Museum che aprirà nel 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *