cose da fare a Firenze

Ci sono molte cose da fare a Firenze, indipendentemente dai vostri interessi. Se siete appassionati di arte e cultura, potete visitare uno dei tanti musei o gallerie d’arte della città. Per chi ama lo shopping, ci sono molti negozi e boutique di alto livello da esplorare. E se siete alla ricerca di un po’ di emozioni, potete dare un’occhiata ai locali notturni e ai bar della città. Non importa cosa stiate cercando, troverete sicuramente tante cose da fare a Firenze. Uscite quindi ed esplorate tutto ciò che questa straordinaria città ha da offrire! Se avete anche solo un interesse passeggero per l’arte, Firenze vi entusiasmerà. È qui che il Rinascimento italiano ha preso vita e nessuna città al mondo può eguagliare la densità dei suoi tesori. Affreschi di chiese, statue epocali, gallerie piene di capolavori, sono tutti qui, in un nucleo storico ristretto che si può attraversare a piedi in 20 minuti.

Certo, è invasa dai turisti, ma molti di loro sono in città solo per un giorno e hanno tutti la stessa lista di richieste. Perciò, mentre per le attrazioni principali (come gli Uffizi e Piazza del Duomo) è necessario adottare strategie per sconfiggere la folla, molti musei e monumenti sono beatamente tranquilli. Fate qualche ricerca prima di partire, prenotate qualche visita guidata e non dimenticate di festeggiare ogni tanto con un cocktail sul tetto. Ve lo sarete meritato. Questo elenco di cose da fare a Firenze vi aiuterà a non perdere nulla di questa magica città che riunisce tutto ciò che un viaggiatore può sognare a livello naturale, oltre a un incredibile mix che combina un’infinita offerta di svago e visite culturali. In questa guida su cosa vedere a Firenze condivideremo un itinerario dettagliato, che si concentra sui punti di riferimento più importanti e sulle attrazioni più importanti da non perdere.

20 cose da vedere a Firenze

Se siete alla ricerca di cosa fare a Firenze, ci sono molte opzioni tra cui scegliere. Potreste visitare uno dei tanti monumenti famosi della città, come gli Uffizi e Piazza del Duomo. Oppure potete esplorare la ricca storia di Firenze visitando i suoi numerosi musei e gallerie. Se vi sentite attivi, potreste anche fare una passeggiata o un giro in bicicletta per le bellissime strade della città. Qualunque cosa decidiate di fare a Firenze, sicuramente passerete una bella giornata! Se siete alla ricerca di cosa visitare a Firenze, vi posso dire che c’è molto da fare. Per cominciare, potete esplorare i numerosi musei e gallerie d’arte della città. Oppure, se vi sentite attivi, potete fare una visita in uno dei tanti bellissimi musei. Se avete voglia di fare shopping, potete recarvi in uno dei tanti quartieri alla moda della città. E, naturalmente, potete sempre gustare un pasto delizioso o una bevanda rinfrescante in uno dei tanti caffè e ristoranti. Qualunque cosa decidiate di fare, vi divertirete sicuramente in questa meravigliosa città. Cosa vedere a Firenze in 3 giorni, itinerario completo

1. Iniziamo dalla Cappella Brancacci

Una delle cose più interessanti di Firenze è che si possono vedere alcune delle sue opere più significative in situ, proprio nelle cappelle, nelle nicchie e nelle chiese a cui erano originariamente destinate. La sensazione di trovarsi esattamente dove i pittori lavoravano, cinque o sei secoli fa, accresce notevolmente l’emozione di questa cappella spesso trascurata. È qui che, nel 1425, il pittore Tommaso di Ser Giovanni di Simone – detto Masaccio – fece un passo avanti improvviso ed epocale, iniziando a riempire i suoi dipinti religiosi di ombre, luci e forme solide, quasi tridimensionali. Certo, gli artisti si stavano avvicinando a questo momento da anni, ma questo fu il luogo in cui scoccò il fulmine e fu creata la prima grande opera d’arte del Rinascimento. Prenotate in anticipo la vostra visita; l’ingresso è consentito solo a 30 persone per volta.

2. Poi entriamo nel Duomo

La maggior parte dei visitatori di Firenze ha già un’idea abbastanza precisa di come dovrebbe essere una cattedrale medievale: York, Lincoln, Reims, Colonia. È per questo che il primo incontro con la Cattedrale di Santa Maria del Fiore è destinato a sconvolgervi: è bianca come la neve, a cupola e incredibilmente geometrica. Il fatto che, all’interno di questa bufera di idee che rompono gli schemi, si trovino ancora elementi gotici riconoscibili aumenta il glorioso senso di confusione. È un potente promemoria di quanto fosse diverso il tardo Medioevo a Firenze. Dovreste entrare? Sì. Tutti vi diranno che l’interno è deludente. Tutti vi diranno che l’interno è deludentemente austero. Ma solo se non si tiene conto dell’esaltante senso dello spazio e dell’esuberanza del pavimento in marmo. Inoltre, i visitatori inglesi devono fare la conoscenza di uno dei loro compatrioti più famosi da queste parti: il mercenario senza scrupoli Sir John Hawkwood, commemorato in un gigantesco affresco di Paolo Uccello. L’unico inconveniente è la coda per entrare; evitatela partecipando a una visita guidata. Il Duomo di Firenze, il Campanile, il Battistero e il Museo: tutto sulla vostra visita

3. Un giro al Battistero

È difficile sopravvalutare l’importanza del Battistero ottagonale, rivestito di marmo, di fronte alle porte occidentali del Duomo di Firenze. Qui venivano battezzati tutti i cattolici della città fino al XIX secolo: in un edificio che era considerato (erroneamente) una sopravvivenza dei tempi dell’antica Roma. Non c’è quindi da stupirsi che i fiorentini vi abbiano profuso tanta cura, attenzione e ricchezza. La maggior parte delle opere d’arte create per questo edificio è oggi esposta nel museo allestito nei laboratori della cattedrale (vedi sotto). Ma il soffitto a mosaico del XIII e XIV secolo è rimasto ed è assolutamente da vedere. Una fusione di tradizioni bizantine, veneziane e fiorentine, incorniciata da splendide tessere d’oro, è una spettacolare testimonianza della ricchezza e dell’ambizione della città, un secolo prima che il Rinascimento mettesse radici. È anche un promemoria di quanto fossero rivoluzionari Donatello, Masaccio e altri: l’abisso che separa le loro opere da questa sembra molto più ampio di 100 anni.

4. Salire sul campanile di Giotto

Entrambi sembrano magnifici, ma quale dovreste scalare? L’elegante campanile di Giotto di Bondone o la monumentale cupola del Brunelleschi? È facile rispondere a questa domanda. Entrambi gli edifici offrono una vista mozzafiato di Firenze, ma solo il campanile offre la possibilità di esaminare adeguatamente il capolavoro di ingegneria del Brunelleschi. Ancora oggi i dettagli della costruzione della cupola non sono del tutto chiari, ma questo non vi impedirà di apprezzare le sue dimensioni e la sua forma. A quasi 600 anni dal suo completamento, è ancora la cupola in muratura più grande del mondo. Prenotate il primo posto possibile alle 8.15 per salire sulla torre, in modo da poter scalare i suoi 400 stretti gradini quando nessuno sta scendendo. Non dimenticate di lasciare in albergo gli eventuali claustrofobici del vostro gruppo: per loro nessun panorama varrà la sensazione di buio e sudore che si prova durante la salita.

5. Mangiare un gelato biologico

È il momento di fare una pausa? La gelateria Edoardo si trova a sette minuti a piedi dalla Galleria dell’Accademia e accanto alla cattedrale di Firenze, in Piazza del Duomo. Il gelato è biologico, i coni sono fatti nel negozio di fronte a voi e i gusti includono pistacchio, cocco e strudel di mele. Andateci all’inizio del viaggio, in modo da stabilire un criterio di riferimento rispetto a tutti gli altri gelati che divorerete. Cosa mangiare a Firenze, dieci specialità

6. Vedere le opere d’arte create per la cattedrale, il battistero e il campanile

L’ultima tappa in Piazza del Duomo unisce l’insieme. È il museo della bottega del duomo, fondato originariamente nel 1296. Oggi, dopo un recente restauro integrale, ospita la maggior parte delle opere d’arte create per la cattedrale, il battistero e il campanile nelle condizioni del XXI secolo. Tra queste, le porte di Ghiberti per il battistero e la magnifica scultura della Pietà di Michelangelo, iniziata circa un secolo dopo. Forse il più illuminante di tutti, però, è il Corridorio dell’Opera. Sul muro sono incisi i nomi di alcuni dei molti artisti, architetti e artigiani coinvolti nella costruzione e nella manutenzione di questa straordinaria serie di edifici, come salutare promemoria del lavoro di squadra e del senso di condivisione su cui poggia il risultato.

7. Camminare a piedi per la città

Il pericolo che si corre quando si fa una lista delle tante meraviglie di Firenze è quello di non riuscire a ricucirle tutte in una narrazione coerente. Né si capisce come la disposizione di questa città così stretta abbia contribuito a plasmare la sua storia. Quindi, se partecipate a un’unica visita guidata, assicuratevi che si tratti di un’introduzione generale e storica, che si concentri principalmente sulle strade e sulle storie, anziché addentrarsi nei suoi musei (potrete farlo da soli in seguito). I tour di gruppo di due ore sono molto popolari, ma ci sono molte guide private che possono adattare un tour ai vostri interessi particolari – e assicuratevi che siano autorizzate e registrate presso Firenze Turismo.

8. Mangiare al Mercato Centrale

Pochi sanno che Firenze è stata per breve tempo capitale d’Italia dal 1865 al 1871 e il Mercato Centrale risale a quel periodo. Al piano terra ospita un mercato coperto, pieno di ogni tipo di carne, frutta e verdura, e al piano superiore una gigantesca area gastronomica, a soli cinque minuti a piedi da Piazza del Duomo. In altre parole, è qui che si pranza. Insalate di mozzarella di bufala, sushi, arancini di riso, tasche di pizza trapizzino ripiene di melanzane e pomodori: li troverete tutti qui. Aggiungete un espresso di alta qualità per superare il crollo postprandiale.

9. Gallerie degli Uffizi

Tra i posti da visitare a Firenze non possiamo non vedere la collezione delle Gallerie degli Uffizi; è uno dei musei d’arte rinascimentale più belli del mondo, ma anche il più accanito amante dell’arte avrà gli occhi annebbiati dopo un’ora e mezza. Per questo motivo, è consigliabile partecipare a una visita guidata mattutina che vi permetterà di entrare prima dell’apertura delle porte al pubblico. Non solo le gallerie saranno beatamente silenziose, ma il tour sarà curato per concentrarsi sui dipinti chiave e sulle storie più illuminanti. Oppure fate da soli, prenotando un biglietto per un ingresso temporizzato non appena il museo apre, dopo aver studiato la pianta del museo per sapere cosa vi aspetta. In questo modo non sprecherete tutto il vostro interesse e le vostre energie, ad esempio, sulle imperscrutabili pale d’altare gotiche, prima di arrivare a Botticelli, Raffaello, Michelangelo, Tiziano e altri.

10. Santa Maria Novella

Un’altra cosa a Firenze da visitare è Santa Maria Novella, una tappa obbligata per gli amanti degli affreschi rinascimentali. È qui che si trovano gli esempi più ambiziosi e completi di questa forma d’arte, che decorano ogni superficie di alcune cappelle e ci raccontano tanto dell’epoca in cui sono stati dipinti quanto degli eventi biblici che raffigurano. L’opera del Ghirlandaio nella cappella Tornabuoni è costellata dalle ultime mode del 1480 e dai ritratti delle famiglie dell’artista e del suo sponsor. Nella cappella Strozzi è il fascino di Lippi per l’architettura romana a farla da padrone. Nessuno dei due, tuttavia, ha l’impatto della precedente Trinità di Masaccio: si tratta di uno dei primi dipinti del XV secolo regolato dalle leggi della prospettiva a un punto, che crea un senso di spazio e profondità mozzafiato. Maria, in piedi alla sinistra di Cristo crocifisso, alza la mano per mostrarci il nostro Dio. Ma sembra anche dire. “Ecco! Il futuro dell’arte. Bello, vero?”. Santa Maria Novella, come visitare una delle due basiliche più importanti di Firenze

11. Palazzo Vecchio

È uno dei grandi “e se?” della storia dell’arte: cosa sarebbe successo se Michelangelo e Leonardo da Vinci avessero completato i loro affreschi faccia a faccia previsti nella vasta Sala dei Cinquecento di Palazzo Vecchio? Purtroppo nessuno dei due ci è andato vicino, e le roboanti scene di battaglia dipinte al loro posto da Giorgio Vasari e altri non sono certo un risarcimento. Tuttavia, la sede del governo repubblicano di Firenze, che domina Piazza della Signoria, è un luogo affascinante. Fu teatro di infiniti intrighi politici nel XIV e XV secolo e fu trasformato in palazzo da Cosimo I, Granduca di Toscana, nel 1540. Tra i punti salienti vi è una sala dedicata alle mappe del XVI secolo, realizzate proprio nel momento in cui il mondo si apriva alle menti occidentali. Partecipate a una visita guidata per scoprire anche i passaggi segreti dietro le mura.

12. Palazzo Pitti

Cupo all’esterno, ma magnifico all’interno, Palazzo Pitti divenne la sede dell’onnipotente famiglia Medici a partire dal 1549 e divenne sempre più grande e stravagante man mano che le fortune della città circostante diminuivano. Ma vale la pena visitarlo, soprattutto per i dipinti della Galleria Palatina, riccamente decorata. Ci sono più di 500 opere in mostra, la maggior parte delle quali raccolte dai Medici e appese in stile tradizionale, a volte a quattro altezze sulle pareti. Si tratta di un approccio all’arte estenuante, del tipo “di più è di più”, ma che contiene un numero impressionante di grandi dipinti di Raffaello, Tiziano, Caravaggio, Rubens e altri. Si tratta, probabilmente, di un’esibizione più raffinata di virtuosismo e intuizione rispetto a quella che si può vedere nella galleria principale degli Uffizi, a nord del fiume. Ci sono anche sorprese di ogni tipo: fate attenzione all’abile rappresentazione di Artemisia Gentileschi della proto-femminista biblica Giuditta, appena dopo aver assassinato il generale assiro Oloferne; la sua testa senza vita è nascosta nella cesta della sua serva.

13. Parlare del Rinascimento e vederlo

L’Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella nasce come spezieria, gestita dai frati domenicani nel retro del chiostro di Santa Maria Novella. Ma a poco a poco, questa straordinaria sopravvivenza del Medioevo divenne famosa per i suoi profumi: soprattutto quando i frati progettarono una fragranza per Caterina de Medici, moglie di Enrico II di Francia. È possibile acquistarne una bottiglia insieme a tutti i tipi di saponi e unguenti. E anche se non avete il budget per un profumo che costa fino a 100 euro a bottiglia, vale comunque la pena di entrare; potrete vedere le esposizioni degli strumenti storici del mestiere di speziale, nonché gli affreschi del XIV secolo nella biblioteca, che un tempo era la sacrestia della Cappella di San Nicolò.

14. Vedere il tramonto al Piazzale Michelangelo

A Firenze passerete molto tempo a pensare a come evitare i turisti: alzatevi presto per evitare la folla agli Uffizi e fate un salto a Palazzo Pitti alla fine della giornata, proprio quando tutti gli altri se ne vanno. Ma c’è qualcosa di quasi cerimoniale nell’affollata scena del Piazzale Michelangelo al tramonto – e vorrete partecipare. Questa gigantesca piattaforma d’asfalto offre una vista superba sugli edifici della città che si affacciano sul fiume, con il Duomo, il campanile e Palazzo Vecchio al di là, ed è un luogo incantevole dove riunirsi, con la serenità degli artisti di strada. Non cercate di accaparrarvi un tavolino; la scalinata all’estremità occidentale del Piazzale è il luogo in cui tutti vanno a sedersi.

15. Salire le scale di Villa Bardini

Ogni vacanza in città ha bisogno di un po’ di verde. A Firenze, questo di solito significa fare una pausa nel giardino di Boboli, dietro Palazzo Pitti. Ma se salite a Villa Bardini, sopra il Ponte alle Grazie, avrete più spazio per i gomiti e una vista migliore. Il percorso si snoda su una collina scoscesa attraverso una serie di sentieri a zig-zag – e una grande scalinata barocca – e culmina in un caffè-loggia con vista sulla città. Non c’è posto più bello a Firenze per il vostro prossimo caffè.

16. Una visita alla Cappella Medicea

Una delle cose da fare a Firenze è visitare i tre piani delle Cappelle Medicee – la cripta, la Sagrestia Nuova e la Cappella dei Principi – sono dedicati alla famiglia più potente di Firenze e furono concepiti come loro mausoleo, ma è a Michelangelo che si rende omaggio quando le visitiamo. Questa fu la sua prima incursione nell’architettura e progettò grandiosi e audaci monumenti funerari con cui decorare l’edificio a cupola. Non lo portò a termine e molti altri artisti dovettero riordinarlo in seguito. Ma la Sagrestia Nuova è più che sufficiente per ispirare generazioni di scultori e lasciare il desiderio di saperne di più. A fare scalpore sono state le quattro figure reclinate della Notte, del Giorno, dell’Alba e del Crepuscolo, in particolare la Notte. “Chi ha mai visto una scultura di qualsiasi epoca, antica o moderna, che si possa paragonare a questa?”, si chiedeva Giorgio Vasari nelle sue Vite degli artisti.

17. Fermarsi sotto il Ponte Vecchio

Tutti passano per Ponte Vecchio, l’antico ponte fiorentino che è fiancheggiato da orefici e argentieri e funge da gigantesca gioielleria, ma l’emozione più grande la si prova se si pagaia sotto di esso. Scegliete la vostra imbarcazione: chi è atletico e ha un buon senso dell’equilibrio dovrebbe provare una tavola da stand-up paddle, chi non lo è dovrebbe optare per un kayak a forma di zaino gonfiabile: è meno traballante e più rilassante. In ogni caso, vedrete il fiume come lo vedevano i mercanti di lana della Toscana che portavano la lana dalle montagne per alimentare la fiorente industria tessile della città medievale.

18. Passeggiate nel Museo della Moda

Avventuratevi a Palazzo Pitti per trovare 16 sale dedicate alla moda italiana ed europea dal XVI secolo. C’è di tutto, dagli abiti funebri di Cosimo I, il Granduca di Toscana, a uno statuario abito da sera di Gianfranco Ferré della sua collezione autunno/inverno del 1992-3. Non sorprende che, in una città dove la pittura e la scultura la fanno da padrone, le gallerie siano più o meno deserte. Data l’attenzione che molti artisti del Rinascimento dedicavano ai tessuti e alla moda nelle loro opere, questa mostra è un’affascinante postilla a tutte le altre gallerie e può anche ispirare una passeggiata lungo la via dello shopping di Via de’ Tornabuoni per vedere le ultime tendenze in mostra da Gucci e Prada.

29. Prima il David di Donatello

Sì, sì, il David di Michelangelo è una scultura magnifica, ma non lasciate che la sua fama vi faccia dimenticare il trattamento sbalorditivo dello stesso soggetto da parte di Donatello al Museo del Bargello. Questa collezione di scultura gotica e rinascimentale di livello A è in qualche modo fuori dai sentieri battuti, e il suo pezzo forte è uno dei primi nudi liberi dai tempi dell’antica Roma. Tuttavia, è molto più di un’innovazione tecnica. Qui il giovane Davide – simbolo della coraggiosa Repubblica fiorentina – si trova con un piede sulla testa di Golia, in una posa “e allora?” di una sensualità così provocante che vi farà rimanere a bocca aperta. Non vi sorprenderà il fatto che si tratti di un’opera d’arte omoerotica che infrange i tabù medievali sulla celebrazione della carne e della fede, ma non vi impedirà nemmeno di rimanere a bocca aperta di fronte all’audacia della visione di Donatello. Cielo: cosa ne pensava il sacerdozio di quella piuma sull’elmo di Golia, che scivolava lungo l’interno coscia di Davide?

20. Dopo il David di Michelangelo

Dopo aver visto la versione di Donatello, è il momento di fare conoscenza con il David di Michelangelo, scolpito due generazioni dopo, all’alba del XVI secolo. Grazie alla celebrità della statua, la Galleria dell’Accademia – in cui si trova dal 1873 – è sempre affollata; prenotate un biglietto per l’ingresso a tempo alla fine della giornata. Sarete lì quando la pancia di tutti inizierà a brontolare e si allontaneranno pensando alla cena. È un’opera molto diversa da quella di Donatello; una vivida evocazione del coraggio, nel momento in cui Davide si prepara alla battaglia che lo attende. Ed è ancora più notevole quando si ricorda la sua provenienza: Michelangelo lo scolpì da un blocco di marmo semilavorato che giaceva nel laboratorio della cattedrale di Firenze da 26 anni.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento